Tante sono le persone, soprattutto le personalità di spicco, che parlano di voler puntare ad un ecosistema di innovazione e progresso. Queste sono belle parole, ma i fatti sono quello che alla fine contano per poter assistere al cambiamento a cui tutti auspicano.

Reyhan Jamalova è forse l'esempio lampante per dimostrare che un processo del genere necessità solo di volontà e determinazione per essere portato a compimento.

LEGGI ANCHEDalla Norvegia arriva Svart, l'hotel che copre le spese grazie all'energia rinnovabile

Rainergy

Questa ragazza dell'Azerbaijan ha infatti recentemente fondato una startup, Rainergy, che basa la sua funzione sulla produzione di energia elettrica tramite lo sfruttamento dell'acqua piovana, grazie all'aiuto della sua amica, Zahra Gasimzade ed al suo professore di fisica.

Il progetto è stato considerato talmente promettente da aver ricevuto un finanziamento di ben 20.000 dollari dal governo, che lo ha definito una delle concrete soluzioni energetiche alternative per tutti i paesi ancora in via di sviluppo.

Il suo funzionamento è semplice quanto efficace, questo metodo di produzione richiede infatti solo 4 elementi principali:

  • un raccoglitore di acqua piovana
  • un serbatoio
  • un generatore elettrico
  • una batteria

Il raccoglitore ha la funzione di riempire il serbatoio dell'acqua piovana, che da li in poi circolerà ad alta velocità attraverso il generatore iniziando il processo di produzione dell'energia; questa verrà poi immagazzinata nella batteria impedendo il sovraccarico della rete elettrica a cui è collegato e fornendo una fonte supplementare di energia a chi ne necessita. La funzione della batteria in questo sistema è determinante, in quanto permetterà di utilizzare la fonte energetica prodotta anche in un secondo momento.

LEGGI ANCHEGlass to Power, l'energia invisibile che renderà gli edifici autosufficienti

Rainenergy

A soli 15 anni

La cosa veramente stupefacente in tutto ciò, oltre all'ovvia genialità del progetto, è che la ragazza che ha reso questo possibile ha soli 15 anni. Questo dimostra come ad un'età così precoce si possa essere sensibili a tematiche così importanti per il futuro globale.

Ma non solo, difatti questa dovrebbe essere una delle principali motivazioni per tutti coloro che si sono proclamati i portatori del cambiamento o perlomeno vogliono farne parte in maniera attiva ed efficace: volere è potere, ma serve anche un grande pizzico di intelligenza, infatti per realizzare una propria idea bisogna mettersi in gioco e mostrarla a chi possiede più mezzi di noi.

Rainenergy