Acqua, l’italia è al primo posto per il consumo all’interno del ranking Europeo

Acqua consumo

L’Italia all’interno dei ranking Europei è spesso molto in basso e non è considerato uno dei paesi di spicco per quanto concerne gli aspetti positivi legati allo smaltimento rifiuti o all’inquinamento, per fare un esempio.

Tuttavia, il nostro territorio prende tutta un’altra piega se si analizza il consumo d’acqua, che secondo il report di Legambiente e Altraeconomia “Acque in bottiglia 2018“, consuma annualmente circa 206 litri di acqua minerale; un dato che ci posiziona al primo posto in Europa ed al secondo posto al mondo, dietro solo solo al Messico, che attesta il suo consumo annuale sui 244 litri annui.

LEGGI ANCHE: Intervista a Stefano Onofri e Alessandro Cillario, founder di Cubbit

Nel nostro territorio l’acqua è quindi un vero e proprio business ed a segnalare ciò, oltre all’enorme consumo, sono anche i tanti brand e marchi presenti. Quasi 140 stabilimenti e oltre 260 marchi presenti in Italia imbottigliano oltre 14 miliardi di litri con un giro d’affari che si aggira tra i 7 e i 10 miliardi a livello economico.

LEGGI ANCHE: Teyuto, una piattaforma di e-learning professionale tutta italiana

Acqua consumo

Nonostante la positività dei dati emersi dai recenti studi, ci sono da considerare anche altri fattori altrettanto negativi e che si riallacciano prepotentemente al tema dell’inquinamento, già accennato nelle prime righe di questo articolo.

Inoltre, a “due facce” è invece il discorso nei confronti dei guadagni tratti dalle tariffe imposte dai concessionari; molto valide per i produttori, in quanto sono tra i prezzi più bassi al mondo, ma anche con il profitto più basso per quanto riguarda le tassazioni nel rapporto produzione-vendita-guadagno.