AGCOM, sanzioni per Tim, Vodafone, Wind e Fastweb

AGCOM siglia copertina

In Italia i vari operatori fissi e mobile come Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb sono sempre in competizione. Ogni giorno arrivano nuove offerte di passaggio da un operatore all’altro al fine di accaparrarsi il maggior numero dei clienti. Tuttavia è recente la notizia che vede l’AGCOM, Autorità Garante per le Comunicazioni, ha sanzionato con una multa bella salata gli operatori sopra citati.

Il motivo di questa multa consiste nel fatto che tali aziende non hanno rispettato l’obbligo di cadenza mensile di fatturazione legato ai piani di telefonia fissa e mobile.

L’AGCOM ha rilasciato un comunicato nel quale viene meglio spiegata ed esposta la situazione. Il Garante ha quindi applicato la massima sanzione prevista dalla legge, ovvero 1,16 milioni di euro per ciascun operatore. La stessa ha poi colto l’occasione per aggiornare le linee guide relative alle sue attività di sorveglianza per ciò che riguarda le disposizioni sull’attività di fatturazione.

Il Garante ha scelto di applicare una linea molto dura nei confronto di queste aziende che, tra l’altro, hanno l’obbligo di tornare alla fatturazione a cadenza mensile, ovvero ogni 30 giorni.

Per chi non fosse informato attualmente molte aziende attuano una fatturazione a 28 giorni, riuscendo così ad ottenere una mensilità in più dai clienti. Nonostante gli adeguamenti della legge ancora non arrivino, l’AGCOM sembra aver scelto la sua strada.