Ordinare cibo online è diventato, negli ultimi anni, una pratica molto comune, soprattutto nelle grandi città. Grazie all’accordo tra TripAdvisor e Deliveroo, nasce un network mastodontico che, con tutta probabilità, diventerà il modo definitivo con cui si può ordinare cibo online.

Deliveroo TripAdvisor

I dettagli dell’accordo tra TripAdvisor e Deliveroo

Le due compagnie sono senza dubbio molto conosciute a livello globale. TripAdvisor è il sito numero uno al mondo nel campo delle recensioni di locali e tra i colossi delle prenotazioni online. Deliveroo è il servizio di food delivery britannico presente in tutto il mondo, in Italia lo troviamo a: Milano, Roma, Piacenza, Firenze, Torino, Bologna, Monza e Verona.

Cosa può nascere da due compagnie così grandi? Una rete di oltre 20 mila ristoranti, sparsi per 12 paesi. Regno Unito, Irlanda, Francia, Germania, Spagna, Italia, Belgio, Paesi Bassi, Emirati Arabi Uniti, Singapore, Hong Kong e Australia sono le nazioni in cui si potrà usare il servizio.

L’integrazione di Deliveroo in TripAdvisor è molto semplice. Chi utilizza già il sito di recensioni fondato da Stephen Kaufer, è abituato a cercare ristoranti o locali nelle vicinanze e scegliere dove prenotare in base ai voti dati dagli utenti. Grazie all’alleanza tra le due società, adesso sarà possibile anche ricevere direttamente a casa i cibi scelti.

Il tutto è già funzionante, come si può vedere dal bottone “Ordina Online” presente sui ristoranti che aderiscono al servizio. Oltre a questo, TripAdvisor ha già in precedenza aderito ad altri servizi. Un esempio, The Fork, con cui è possibile prenotare un tavolo mentre si visualizzano i voti di un locale.

Deliveroo TripAdvisor

L’idea non è sicuramente una novità, però due società importanti a livello globale come TripAdvisor e Deliveroo possono sicuramente offrire un servizio davvero interessante e improntato già con l’idea di sbaragliare la concorrenza. Prendendo le parole di Bertrand Jelensperger, senior vice president di TripAdvisor, “TripAdvisor ha ora un nuovo strumento per interagire con la nostra community”. Riusciranno nel loro obiettivo?