Stipendio

Amazon ha deciso di aumentare considerevolmente i salari dei suoi dipendenti nel Regno Unito e in America. A dare la notizia è Jeff Bezos in persona, fondatore dell’azienda e recentemente incoronato da Forbes come uomo più ricco del mondo. L’aumento più importante è per i salari minimi, che passeranno da 7,5 $ a 15 $ dollari l’ora negli States, e a 9,50 £ in UK, ma anche per stipendi maggiori è prevista una busta paga più ricca.

LEGGI ANCHE: Amazon, alcuni dipendenti europei scioperano durante il Prime Day

La notizia non è inattesa né nasce direttamente dai piani alti della corporation, ma arriva in risposta alle durissime critiche rivolte ad Amazon, accusata di reggersi sullo sfruttamento dei lavoratori, costretti a turni infiniti e salari bassi. Accuse culminate nei partecipati scioperi in occasione del Black Friday, e nel cosidetto Amazon Act, la proposta di legge presentata in America dal popolare senatore ed ex candidato alle primarie democratiche Bernie Sanders, che propone pesanti sanzioni per quelle aziende i cui lavoratori – per via della bassa retribuzione – sono costretti a ricorrere ai sussidi statali per sopravvivere.

“Siamo entusiasti di questo cambiamento e incoraggiamo i nostri concorrenti e altri grandi imprese a unirsi a noi”

Cosi Bezos ha commentanto la notizia. Un cambio di rotta importante per il colosso dell’e-commerce, che solo pochi mesi fa aveva rifiutato la proposta di Sanders di incontrarsi pubblicamente assieme ad altre grandi multinazionali per parlare del trattamento riservato ai dipendenti.

Stipendio
Il senatore Bernie Sanders

Ma è tutto oro quel che luccica?

No, almeno secondo il sindacato inglese GMB, che definisce “farsa” il provvedimento di Amazon. L’azienda – ha spiegato il segretario del sindacato sul Guardian – distribuiva ai dipendenti premi in denaro e in azioni alla fine di ogni annualità, premi che ora verranno cancellati proprio per via dell’aumento agli stipendi. E, denuncia il sindacato, questa sarebbe un’operazione in perdita per i lavoratori, le cui nuove entrate in busta paga non rimborsano le perdite. Secondo GMB, insomma, quella di Amazon sarebbe niente più che una mossa di marketing, volta a rendere l’azienda più umana e amichevole agli occhi dell’opinione pubblica.