Android Pie

Finalmente è arrivato il giorno di Android Pie. In un documento pubblicato all'interno del blog dedicato ad Android, Google ha presentato la nuova release software mobile elencandone le principali novità.

Il primo aspetto su cui Google ha voluto focalizzare l'attenzione è sicuramente l'intelligenza artificiale. Troviamo infatti una serie di funzioni che certamente aiuteranno l'utente a compiere le proprie azioni abituali in maniera più immediata e permetterà di rendere unico il nostro smartphone.

Qui un elenco delle funzioni che già alcuni utenti hanno potuto affrontare nelle varie build beta rilasciate negli ultimi mesi:

  • "Adaptive Battery": questa funzione permetterà allo smartphone di capire Android Piequali applicazioni usiamo maggiormente e regolarne i consumi di conseguenza, risparmiando parecchi wakelock della CPU in fase di stand-by;
  •  "Adaptive Brightness": il sistema interpreterà le nostre regolazioni della luminosità, affinandone con il passare del tempo la precisione;
  • Nuove gesture di navigazione: da questa versione software dovremmo dire addio ai classici tre pulsanti home, indietro e app recenti e dare il benvenuto alle nuove gesture che prevedono un tasto unico Android Piecentrale in grado di unificare le funzioni svolte dai vecchi tre tasti;
  • "App Action": delle scorciatoie posizionate all'interno del drawer delle app che si aggiorneranno, suggerendo le azioni che svolgiamo più frequentemente con il nostro smartphone;
  • Sicurezza e privacy: con Android Pie, l'azienda di Mountain View ha voluto migliorare la privacy dell'utente. In particolare possiamo notare il blocco all'accesso di microfono, camera o altri sensori durante le fasi di stand-by del terminale.

Troviamo poi una grande quantità di modifiche estetiche e funzionalità minori che vanno a risolvere bachi delle versioni precedenti.

Android Pie 9.0 è già disponibile per i dispositivi Google Pixel sia di prima che di seconda generazione. Tutti i dispositivi facenti parte del programma Android Beta invece dovranno attendere ottobre, probabilmente in concomitanza della presentazione di Google Pixel 3 e 3 XL.