Nuova e più incisiva tassazione nei confronti dei big dell'era digitale. In sede europea, si sta discutendo di una nuova direttiva dell'Unione volta a colpire i fatturati di aziende del calibro di Google, AmazonFacebook, Apple e molte altre impegnate sul versante web anche in ambito europeo. In uno dei nostri precedenti articoli avevamo già analizzato il nuovo metodo di fatturazione del social network di Zuckerberg che, in qualche modo, aveva già di gran lunga anticipato le volontà dell'Unione in materia di Web Tax.

1Unione Europea: Web Tax con aliquota tra il 2% e il 6%

Allora, l'intervento di tassazione europea era previsto per il 2019 e la mossa di Facebook era volta, più che ad una preventiva adozione delle eventuali direttive, al miglioramento dell'immagine della propria azienda, che poteva così porsi sotto una luce migliore, in virtù della propria trasparenza fiscale. Pare, però, che il vento stia per cambiare: il ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire, ha annunciato che i lavori sulla direttiva in tema Web Tax sono in corso e che la direttiva stessa potrebbe essere vincolante, nei confronti degli Stati membri, nel giro di alcune settimane.

In un'intervista al Journal du Dimanche, infatti, il ministro francese si schiera nell'annosa battaglia tra Unione Europea e GAFA (l'acronimo con cui, ormai, ci si riferisce all'agglomerato di colossi rappresentato da Google, Apple, Facebook e Amazon) affermando che:

"Nelle prossime settimane, verrà emanata una direttiva europea. Sarà un considerevole passo in avanti. Il range dell'aliquota varierà tra il 2% e il 6%, saremo più vicini al 2% che al 6%".

A coloro che non hanno potuto fare a meno di notare che si tratti di un intervento piuttosto modesto, Le Maire ha risposto affermando che si tratta piuttosto di "un punto di partenza. Preferisco un testo legislativo che venga implementato il prima possibile, piuttosto che una lunga ed interminabile negoziazione". Il ministro ha concluso dicendo che, per quanto riguarda l'aliquota, "rifiniremo la tassa in un secondo momento".

Clicca su Next per leggere il resto dell'articolo.

Back