Apple tv

Gli ultimi anni hanno visto un’esplosione del fenomeno smart tv, le televisioni intelligenti che, oltre alla consueta fruizione, permettono di navigare sul web, di collegarsi a servizi come Spotify e Netflix, di giocare in compagnia. Un mercato nel quale anche i grandi dell’informatica hanno voluto dire la loro sviluppando non dispositivi interi, ma console da attaccare alle nostre tv.

LEGGI ANCHE: iHeartMedia a rischio, avviate le trattative con Apple

Capostipite di questa gamma di device è l’Apple TV, annunciata nella sua prima versione dall’allora presidente Steve Jobs come un semplice media-center connesso al Mac e da allora evolutosi fino a diventare un vero e proprio computer indipendente, pensato per l’utilizzo da salotto e con il telecomando come input principale. Un prodotto elegante, potente, funzionale e costoso. Fin troppo, forse, per una categoria di dispositivi ancora non familiare al grande pubblico quanto gli smartphone o i personal computer.
E così è stata la concorrenza a portarsi avanti, con due concorrenti d’eccezione – il Chromecast di Google e il Fire Stick di Amazon – che partono da presupposti ben diversi: minimo ingombro, leggerezza e prezzi contenuti. Il tutto al prezzo di qualche piccola rinuncia, ma compensata dalla completezza di ecosistemi avanzati come quello di Big G.

Una filosofia questa fin’ora rifiutata da Apple. Ma le cose potrebbero essere sul punto di cambiare.

Apple tv
Tim Cook, presidente di Apple

Arriva infatti dall’americano The Information l’indiscrezione per cui i dirigenti di Cupertino starebbero valutando la messa sul mercato di un nuovo dongle, una Apple Tv mini economica e compatta, equipaggiata con una versione base di iOS. Una scelta che fa il paio con le voci dell’imminente lancio di un servizio streaming televisivo made in Cupertino, col quale Tim Cook vorrebbe competere e surclassare servizi come Netflix e Prime Video.
E’ questo il futuro della Apple? Solo il tempo saprà darci una risposta.

Sareste interessati ad un prodotto del genere? Fatecelo sapere nei commenti o sulle nostre pagine social!