Apple è pronta per rendere Apple Maps qualcosa di ancora più efficace. L'azienda prevede di introdurre dati di mappatura completamente revisionati negli Stati Uniti nel corso del prossimo anno, utilizzando le informazioni raccolte da Apple stessa.

I nuovi dati inizieranno a diffondersi nelle prossime settimane in modo molto limitato e le persone iscritte alla versione beta di iOS 12 avranno accesso a queste nuove funzionalità da subito. I dati però saranno disponibili solo per San Francisco e la Bay Area, ma con il tempo arriveranno a coprire tutta la California del Nord. Fra autunno e fine anno il tutto sarà reso disponibile per le altre versioni di iOS. Il resto degli Stati Uniti riceverà le nuove mappe, sezione per sezione, nel corso del prossimo anno.

Apple raccoglie i dati da furgoni e iPhones

Con questo cambiamento, Apple eviterà tutti i dati di mappatura di terze parti, ovvero tutti dati che costituivano la maggior parte delle mappe proprietarie da quando sono state lanciate nel 2012. Invece ora si baserà su dati provenienti da due fonti: furgoni ricchi di sensori che sta guidando negli Stati Uniti da diversi anni e iPhone. Apple raccoglierà blocchi di dati di viaggio anonimizzati quando le persone apriranno l'app di Maps.

Proprio come fa Google, anche se apparentemente con un occhio più attento alla privacy, al fine di ottenere informazioni aggiornate sulle aperture e sul traffico stradale. Ora sarà possibile vedere più verde per parchi e boschi, corsi d'acqua più dettagliati e strade differenziate per evidenziare i percorsi principali e rendere la mappa più facile da leggere. Apple non sta pianificando una riprogettazione completa, ma il nuovo Maps apparirà chiaramente molto diverso una volta che avrà dati più dettagliati.

LEGGI ANCHE: A Londra auto di Google StreetView per il monitoraggio dell'aria

Secondo quanto riferito, lo sforzo per iniziare questo processo è durato quattro anni; ma la questione non riguarda solo l'uso di dati migliori, riguarda anche un approccio migliore alle mappe. Apple ha preso in passato in licenza dati di società di cartografia ben note, come TomTom, eppure ha affrontato problemi di affidabilità che queste società non hanno. Adesso,l'azienda di Cupertino sta andando nuovamente contro Google, che è stato il colossal di questo campo da più di un decennio. Ricostruire Maps in un prodotto competitivo non sarà facile, ma l'importante è che Apple ci stia provando.