ARM Holdings annuncia l'arrivo delle nuove GPU di fascia medio-bassa e low-end Mali G52 e G31, con il compito di andar a sostituire le ormai datate Mali-400 e Mali-450. Quest'ultime vengono tutt'ora utilizzate in molti chip di fascia medio-bassa, il che le rende le GPU più famose e utilizzate dell'azienda britannica.

ARM Mali G52 e G31: Vulkan per la fascia low-end

Prima dell'annuncio delle suddette la gamma Mali G era composta solamente dalle GPU G71 e G72 attualmente utilizzate su alcuni SoC d'alta fascia come il Kirin 960, 970, e l'ultimo ma potentissimo Exynos 9810.

Entrambe basate sulla nuova architettura Bifrost, le GPU Mali G52 e G31 garantiscono un netto aumento delle prestazioni (fino al 30 %) e una maggior efficienza (fino al 15 %) rispetto alle loro antenate Mali-400 e 450.

Mali G52

Pur essendo basate sulla stessa architettura si differenziano per le frequenze operative: troviamo 850 MHz per la G52 e 650 MHz per la G31, ma entrambe hanno il pieno supporto alle nuove API Vulkan, OpenCL 2.0 e OpenGLES 3.2.

Parlando di potenza bruta abbiamo 24 GFLOPS per core sulla versione più potente mentre 12 GFLOPS per core sulla versione meno potente, ed essendo in configurazione multi-core possono essere personalizzate dalle aziende in base alle loro esigenze, quindi la loro potenza effettiva può variare.