Averon Logo
A causa della minaccia degli attacchi informatici, le procedure di accesso e di verifica dell'identità stanno diventando piuttosto ingombranti. Tuttavia, utilizzando segnalazione, pacchetti di dati e chip SIM / eSIM già presenti negli smartphone, è possibile rendere il tutto molto più semplice. Non sarebbero richieste ulteriori installazioni e potrebbero essere utilizzati in aree come l'IoT. Questo è ciò alla quale Averon, startup con sede a San Francisco, sta lavorando; l'azienda lo definisce autenticazione autonoma diretta (DAA).

Averon ha chiuso un round finanziario di Serie A da $ 8,3 milioni guidato da Avalon Ventures. L'idea è di rendere gli hack che coinvolgono Equifax, Target, Home Depot, Anthem Medicare, una cosa del passato. Sviluppato in maniera furtiva per quasi due anni, la soluzione di sicurezza di Averon prende il segnale di rete mobile in tempo reale dal telefono cellulare e i chip SIM / eSIM per consentire l'autenticazione.

Con le soluzioni esistenti, gli utenti immettono manualmente informazioni ID sul proprio dispositivo, utilizzano autenticazioni a due fattori e informazioni biometriche facilmente violate e soggette ad errore umano. Finora la traccia di origine dei dispositivi di pacchetti (SIM) è stata limitata all'uso del vettore e i vettori stessi sono stati considerati come reti silent. Questa soluzione rompe le barriere.

Wendell Brown, CEO e presidente di Averon, dice che DAA "ha il potenziale per ridurre sensibilmente l'esposizione che ognuno di noi ha alla crescente ondata di criminali informatici".  Brown è un accademico scienziato, imprenditore e inventore accreditato conosciuto per le sue innovazioni in telecomunicazioni e sicurezza mobile con 20 anni di esperienza nella cryptosecurity.

Averon è guidato da un gruppo di capi di business, ingegneri e esperti di cybersecurity con background che comprendono MIT, Harvard Business School, Stanford, USC, Cornell, NSA, Forza di Difesa di Israele, PayPal, Microsoft e altre università e istituzioni.