Grandi attori come Michael Douglas, Leonardo DiCaprio ed Eddie Murphy hanno portato nelle sale cinematografiche, ciascuno a modo proprio, delle immagini della borsa come un luogo in cui è possibile ottenere grossi guadagni e questo ha fatto venire in mente almeno una volta a tutti l'idea di guadagnare soldi investendo in titoli. Le tecnologie digitali hanno reso più accessibile questo mercato e la nuova soluzione innovativa è un'app per gli investimenti, gratuita e lanciata dalla banca JPMorgan Chase.

Gli investimenti dei giovani sempre più legati alle app

La generazione dei millennials sta iniziando a mettere da parte dei risparmi e un trend in crescita è quello delle applicazioni digitali per gli investimenti, preferite dai più giovani rispetto ai consulenti, tipici degli investimenti dei babyboomers.

Sono infatti presenti nel settore numerose startup che offrono servizi di intermediazione finanziaria come TD Ameritrade, Charles Schwab ed E-Trade che hanno chiuso tutte in rosso al NASDAQ a seguito dell'annuncio della banca statunitense.

LEGGI ANCHEMillennials, in aumento uso Wi-Fi a discapito delle reti mobili

La scelta di JPMorgan

L'applicazione You Trade di JPMorgan Chase con 100 operazioni gratuite ogni anno rappresenta una svolta per una banca che fino a pochi giorni fa chiedeva quasi 25 $ per ogni operazione di trading online. Questo numero di operazioni è sufficiente per la maggior parte dei piccoli investitori e il prezzo per le operazioni successive, pari a 2,95 $, è più basso di quello offerto dalle applicazioni concorrenti.

La banca ha dunque deciso di lanciare una guerra dei prezzi con lo scopo di conquistare dei clienti giovani che finora si sono rivolti unicamente alle startup fintech. Un altro effetto interessante potrebbe essere l'affermazione del trading online come soluzione destinata a un pubblico più ampio. La presenza di un brand importante nel settore della finanza come quello di JPMorgan potrebbe infatti rendere questo mezzo la soluzione di prima scelta anche per investimenti di entità maggiore rispetto a quelli tipici dei millennials.