Binario F, parte start2work: disponibili 120 posti di lavoro nel digitale

Il mondo del digitale si sta espandendo continuamente senza sosta e da qualche anno a questa parte si è verificata la nascita di moltissime professioni e lavori all'interno di tale settore, dando così il via ad una vera e propria economia del lavoro.

Alcuni dei colossi dell'industria non sono stati di certo con le mani in mano ed hanno organizzato molte iniziative in merito. L'ultima è quella di Facebook, Binario F, e della startup Start2impact, che con il programma di formazione Start2work rientra nel progetto che si propone di formare 97.000 persone sulle competenze digitali in Italia nel corso del 2019. LEGGI ANCHE:

Questo programma di formazione digitale si rivolge soprattutto a tutti i neolaureati e coloro che sono alla ricerca di un impiego, dando quindi una possibilità concreta per le persone che si metteranno in gioco e dimostreranno di aver acquisito skill e competenze nell'ambito della programmazione web, marketing digitale e dell'UX/UI Design. La funzione di job placement promette di mettere a disposizione fin da subito 120 posti di lavoro presso startup di un certo calibro e coinvolgere il prima possibile tutti i candidati idonei.

All'interno della piattaforma saranno presenti ben 18 corsi a scelta e sarà inoltre possibile visionare in qualsiasi momento le offerte di lavoro associate alla categoria formativa scelta. Questi posti lavorativi saranno 150 garantiti e provengono da 74 startup, tra cui quella di 3bee, D-Heart e MiMoto.

Start2impact e Binario F valuteranno singolarmente ciascun candidato selezionando di pari passo i profili ideali per le posizioni lavorative aperte disponibili, dopodiché, la fase successiva del programma sarà composta da vari colloqui con le startup, che incontreranno i "candidati finalisti" presso la sede di Binario F in una giornata di job fair.

La prima giornata di colloqui è stata stabilita nella seconda metà di maggio 2019, mentre sono previste altre 3 job fair da qui a fine anno che verranno comunicate in seguito. Questa iniziativa sarà quindi di fondamentale importanza, soprattutto perché sarà attuata in un paese ancora gravemente afflitto da casi di digital divide e competenze digitali spesso troppo poco sviluppate rispetto alla velocità con cui l'innovazione corre.