Carrefour inizia ad utilizzare la blockchain sui propri prodotti

Carrefour Blockchain

Da quanto tempo vanno avanti le diatribe riguardo la qualità e la provenienza di tutto ciò che arriva sulla nostra tavola? Come è possibile immaginare, da molto tempo. A tal proposito, una catena di supermercati francese nota in tutta Europa ha deciso di rinnovare la sua immagine e “digitalizzare” il proprio brand: stiamo parlando, ovviamente, di Carrefour.

LEGGI ANCHEOlfaGuard, un sensore elettronico per il cibo

Blockchain is the way

Il noto rivenditore vuole infatti implementare la tecnologia blockchain all’interno dei propri servizi. Questo per poter garantire ai propri clienti informazioni e tracciabilità, anche per quanto riguarda le tappe intermedie, per i prodotti che andranno ad acquistare.

Per dare definitivamente il via a questo progetto, il colosso francese apporrà delle semplici etichette dotate di QR code, che potrà essere scansionato dai possessori di smartphone.

LEGGI ANCHEEcco i nuovi sensori IoT per il cibo fresco

Carrefour Blockchain

Già disponibile

Un’introduzione niente male, soprattutto se pensiamo come questa tipologia di database sia attualmente una delle più sicure da utilizzare. D’altronde, la sperimentazione è iniziata proprio da uno degli alimenti più bombardati e presi di mira dall’opinione pubblica odierna, ovvero il pollo, più precisamente quello di Auvergne.

Grazie alla scansione i clienti potranno ottenere già da adesso tantissime info riguardo questo alimento, tra cui:

  • ll nome dell’agricoltore,
  • Tipologia di mangime utilizzato;
  • Trattamenti a cui è stato sottoposto;
  • Presenza delle etichette di qualità;
  • Luogo in cui è situato il macello di uscita e relativa distanza;

Carrefour Blockchain

Entro la fine del 2018, come affermato da Carrefour stessa, il sistema della blockchain sarà esteso ad altri prodotti, tra cui: formaggio, latte, arance, pomodori, salmone e bistecca di manzo macinata.