"Come difendersi dal ransomware for dummies"

Il titolo è chiaro e rappresenta la scelta di Cisco di venire incontro agli utenti e alle nuove richieste di cybersecurity che provengono dalla quotidianità informatica, a casa ma anche a lavoro. L'aspetto degli ambienti di lavoro è quello che infatti ha colpito di più e che rappresenta la svolta nell'uso dei ransomware dai cybercriminali, che prima si rivolgevano con questo tipo di malware esclusivamente al grande pubblico. Le nuove vittime sono infatti le società pubbliche e private con attacchi su larga scala.

I progressi dei malware

Questo particolare tipo di malware ha visto una grande crescita per via del grande numero di persone che ha pagato il riscatto e che ha consentito lo sviluppo, combinato con la crescita del bitcoin, che ha reso questo tipo di crimine informatico un business miliardario. Nel deep web si trovano inoltre dei servizi di RAAS (Ransomware As A Service) che consentono anche a criminali senza abilità di programmazione di lanciare degli attacchi informatici.

Il manuale

Questo settore si evolve così rapidamente che sul Ransomware aleggiano più dubbi che certezze. Difendere i dati contro questo tipo di malware è più critico che mai. Ma da dove cominciare? Può essere evitato? Si può bloccare prima che raggiunga la rete aziendale? Ci sono soluzioni specifiche? E se si è colpiti, si può fare qualcosa?

L'obiettivo del manuale di 48 pagine è proprio rispondere a queste domande in modo chiaro con lo stile che contraddistingue la collana dei manuali "for dummies". La pubblicazione è firmata da Lawrence Miller, autore di oltre 90 libri "for dummies" veterano della cybersecurity con 25 anni di esperienza.

"Spesso siamo troppo occupati e quando non lo siamo vorremmo rilassarci un attimo, facendo un salto sui social media o guardando uno spezzone della nostra serie preferita… ma ogni volta che non effettuiamo l'aggiornamento di un software e facciamo clic su "Ricordamelo più tardi", rendiamo il dispositivo vulnerabile al Ransomware. Nessun software è perfetto. Gli sviluppatori identificano regolarmente bug nei propri programmi e rilasciano patch per ripararli, ma quando si ritarda l'aggiornamento di plug-in o applicazioni, gli hacker possono sfruttare facilmente le vulnerabilità note. E questo è solo uno dei tanti modi in cui il ransomware può accedere al sistema. Per risolvere il problema del ransomware, infatti, serve un giusto mix di persone, processi e strumenti e in questo volume abbiamo messo la nostra competenza e i nostri suggerimenti per realizzarlo."

Enrico Mercadante, responsabile per l'Innovazione, le Architetture e la Digital Transformation di Cisco Italia

Potete leggere gratuitamente il libro in formato digitale attraverso il sito ufficiale.ransomware cisco for dummies