Il 12 novembre 2019 Disney lancerà negli USA Disney+. Dopo anni di cinema e video cassette, anche Disney penetra l’attualità. Ora tocca mettersi contro i giganti del mercato, su tutti Netflix. Il servizio in abbonamento riuscirà a prendere la sua fetta di mercato?

Disney è ora indipendente

È arrivato il momento di staccarsi e rendersi indipendente. Il gigante ha deciso di creare una propria piattaforma e inserirvi i propri film. L’offerta include il canale National Geographic, basato sui documentari. Uno degli assi nella manica per Disney+ è il prezzo: 7 dollari al mese, a confronto dei 13 di Netflix. Sarà disponibile anche l’abbonamento annuale a 70 dollari l’anno.

Allargare la scelta dei contenuti è fondamentale per Disney: ha allargato il suo impero chiudendo l’acquisizione di 21st Century Fox. La cifra astronomica per l’acquisto è stata di 71,3 miliardi di dollari. Mettere il servizio allo stesso prezzo di Netflix sarebbe stato un suicidio per Disney. Vedere solo Disney, Marvel, Star Wars e Pixar a 13 dollari al mese è sicuramente eccessivo.

I numeri

Il mercato di Netflix è immenso: un colosso che ha abbonati il 50% degli americani. Numeri pazzeschi e inarrivabili. Ma proprio per questo il mercato è saturo: la crescita nel mercato si sta fermando. La soluzione migliore è portare contenuti innovativi sulla piattaforma. Netflix Originals infatti, sarà lo strumento su cui dovrà far leva il servizio di streaming per trattenere gli utenti sulla piattaforma. Ad oggi, Netflix Originals rappresenta il 34% degli stream sulla piattaforma.

Disney+ sta portando contenuti nuovi in stream. Da “La casa di Topolino” agli eroi Marvel. Il primo giorno su Disney+ saranno già presenti 7500 episodi di serie TV e 400 film. La piattaforma avrà anche il monopolio dei Simpson, saranno incluse tutte le 30 stagioni. Buona fetta di mercato sottratta a Netflix.

Pensare che Netflix potrà sparire tra qualche anno per la concorrenza, è un’utopia. La fidelizzazione di Netflix in questi anni è stato qualcosa che ci ha toccato dentro. Netflix fa ormai parte di noi un po’ come il primo GameBoy o la prima PlayStation. Sarà anche una scelta di cuore se un giorno dovessimo abbandonare Netflix.