I neoimprenditori italiani devono cambiare la tendenza di centralizzarsi su settori specifici ed imparare dalle grandi ExO mondiali a guardare ai bisogni globali.

Exo, organizzazione esponenziale, neoimprenditori
I Fondamenti di una ExO

Cosa sono le Exponential Organization (ExO)

Le ExO aziende che già conosciamo e che adottano politiche tanto snelle da riuscire a produrre valore e ricchezza in misura almeno 10 volte superiore alle altre aziende. Non sono un fenomeno isolato, tant'è che hanno sostituito l'80% delle aziende Fortune 500. Ossia le 500 aziende americane più importanti per fatturato.

Nell'elenco delle Organizzazioni Esponenziali figurano alcune fra le aziende più note quali Google, Twitter, Amazon, Facebook. Ci sono però anche altre imprese meno note dalla nostra parte del globo. Ciò che importa non è cosa fanno queste imprese, ma come lo fanno.

Le caratteristiche fondamentali delle ExOExo, organizzazione esponenziale, business, neoimpresa

Ciò che caratterizza le ExO rispetto alle aziende tradizionali è un elevato potere di autonomia e decisione demandato ai dipendenti. Lo scopo è di rendere meno piramidale l'organizzazione e ridurre il numero di manager.

Le aziende tradizionali sono spesso orientate al risultato finanziario, le ExO invece puntano agli obiettivi, all'uso di tecnologie social e al pieno coinvolgimento dei dipendenti. Il coinvolgimento della community esterna all'azienda è fondamentale per ottenere nuovi spunti per il proprio business.

Snapchat Logo
Un ottimo esempio di organizzazione esponenziale è Snap Inc., creatrice di Snapchat. Approdata a Wall Street nel 2011, aveva un valore pari a zero. Prima dell'IPO era valutata 25 miliardi di dollari.

Un altro cardine di queste aziende è l'innovazione. Mentre le aziende tradizionali guardano al futuro partendo dalla loro storia passata, le ExO sono devote alla sperimentazione e all'acquisizione di altre aziende. Così da creare una vera e propria spaccatura (disruption) che le renda più competitive nel mercato in cui operano.

Anche il fattore crescita non va sottovalutato. Per poter far parte della lista delle ExO, le aziende devono essere in grado di creare almeno 10 volte più valore di quelle tradizionali.