La quotazione di Snap Inc. a marzo fu una grande notizia, con la presenza di buone performance di mercato, un picco pari a 27 $ e un valore generalmente superiore ai 20 $. La crisi di Snapchat sul mercato non ha però convinto gli investitori e i mercati adesso non premiano l'azienda del web.

La crisi di Snap

Il momento è delicato per la società che vede una situazione di crisi. Le performance sono infatti negative facendo riferimento al Q1 con un fatturato di soli 149 milioni di dollari, su una previsione di 159 milioni e perdite per 2,2 miliardi di dollari. Queste perdite sono però in parte giustificate dalle spese sostenute in fase di quotazione.

Il business di Snapchat trova l'ostacolo dei paesi poveri per la crescita con affermazioni poco felici del CEO Evan Spiegel sull'India che hanno portato a un peggioramento dell'immagine pubblica.

L'altro problema di Snapchat è il gruppo Facebook. Snap ha rifiutato più volte le offerte di acquisizione da parte dell'azienda di Mark Zuckerberg che ha risposto investendo risorse per rendere i propri prodotti più simili a Snapchat. Questo dimostra che non è una scelta saggia mettersi contro aziende che hanno la possibilità di sviluppare in breve tempo un prodotto simile.

snap crisi snapchat

Il risultato in borsa

L'apertura della giornata di ieri ha segnato una svolta negativa per l'azienda in borsa col valore di apertura pari a 16,33 $, prezzo che è sotto il valore di IPO, pari a 17 $. La prima spiegazione è la crisi di Snapchat, la seconda è invece la data del 31 luglio, temuta dagli azionisti.

Alcune azioni della società sono infatti vincolate per 5 mesi, cioè fino al 31 luglio, giorno in cui i primi soci e i dipendenti potranno iniziare a vendere le azioni in loro possesso. Ci sono quindi investitori che hanno già iniziato a vendere per la paura di un crollo a seguito di un periodo di vendite di massa.

La volatilità in borsa e le IPO

Snap non è l'unica azienda innovativa a vivere un periodo negativo in borsa. Una società che ha infatti ottenuto delle cattive performance negli ultimi giorni è Blue Apron, quotata da pochi giorni e già sotto il valore d'IPO.

Questo potrebbe essere un mese povero di novità nel settore, con la sola quotazione annunciata di Redfin, società di annunci immobiliari con base a Seattle.