Cubbit, la startup informatica ecosostenibile

Cubbit startup

L'inquinamento è una tematica che va oltre il settore automobilistico e produttivo, estendendosi anche al mondo informatico e comprendendo la gestione di grandi sistemi aziendali, come server e raccolta dati.

Cubbit è una startup con sede nelle città di Bologna e di Tel Aviv, fondata nel 2016 da Marco Moschettini, che ricopre ora l'incarico di CTO, Stefano Onofri, CEO, Alessandro Cillario, COO, e Lorenzo Posani, CSO; la startup ha deciso di proporre sul mercato il suo nuovo modello di sistema Cloud completamente ecosostenibile.

LEGGI ANCHE: Biosphera 2.0, la prima scuola biofila d'Italia

Questo grazie ad un piccolo dispositivo, la Cubbit Cell, il nodo della rete di Cubbit per l'appunto. Gli utenti con qesto dispositivo possono accedere ad un cloud distribuito in cui i file vengono prima criptati e poi copiati e distribuiti su altri nodi. Ma non è tutto qui: sarà possibile accedere e gestire tali file tramite un'interfaccia web, mobile o desktop, a seconda delle proprie esigenze.

Per tale servizio non sono richiesti abbonamenti ed è garantita l'assenza di qualsivoglia violazione della privacy, in quanto la startup stessa non ha accesso ai dati dei fruitori del servizio, tantomeno alle loro password. In caso l'utilizzatore necessiti di ulteriore spazio, gli utenti possono semplicemente collegare i propri hard disk al Cubbit Cell.

LEGGI ANCHE: Intervista doppia a Giulio Centemero e Luca Carabetta

Nella sua versione base, la Cubbit Cell presenta 512 GB di spazio di archiviazione e permette di creare Fino a 4 account, dando così la possibilità di acquistare ed utilizzare il dispositivo in compagnia di altre tre persone interessate. Questa è inoltre espandibile fino a 4 TB di spazio cloud, in maniera gratuita, e per ogni GB di storage fisico che l'utente collega alla Cubbit Cell, il 50% viene trasformato in spazio cloud e reso disponibile. Un quarto di questi viene invece utilizzato come supporto ai dati su altre Cell, in modo tale da assicurarne la permanenza, mentre l'altro quarto viene trattenuto dall'azienda per offrire avanzati servizi cloud agli utenti business.

Cubbit startup

La startup bolognese attualmente è in rapida crescita e recentemente ha indetto una campagna di crowdfounding sulla piattaforma di Kickstarter, riscuotendo un enorme successo. Dei 50.000 euro richiesti, il team è arrivato a raccoglierne 410.000 circa, entrando addirittura nella classifica dell'1% delle campagne Kickstarter di maggior successo nella storia del sito.

Cubbit ha inoltre il supporto ed i finanzimenti di TechStars, Barclays, Barcamper Ventures e della Commissione Europea, con l'inserimento di quest'ultima nel programma H2020 per il progetto europeo "Climate Kic". Il cloud targato Cubbit, oltre ad aver fatto parlare di sé, è già attivo e funzionante nella sua beta version in più di 10 paesi, suscitando anche l'interesse del CERN di Ginevra.