Il fenomeno del ride-sharing è in crescita nel mondo grazie alla presenza di numerosi operatori, tra cui spiccano Uber e Didi Chuxing. Lo status di questi servizi porta a dubbi sulla sicurezza a bordo dei veicoli e per questa ragione, la società cinese ha deciso di introdurre nuove misure per la protezione dei passeggeri a bordo. Le società occidentali Uber e Lyft seguiranno l'esempio di Didi?

Audioregistrazioni sui mezzi Didi Chuxing

La notizia che ha sconvolto il settore è stata l'uccisione di due passeggeri a bordo di un mezzo di Didi in Cina. L'azienda offre 30 milioni di corse al giorno e ha la responsabilità su un numero importante di passeggeri. Il governo cinese ha iniziato a seguito dei due omicidi a esprimere dubbi su questi servizi e ha richiesto a tutte le società di migliorare le misure di sicurezza.

Didi Chuxing ha reso obbligatoria a partire da questa settimana l'audioregistrazione delle corse, già offerta in via opzionale da alcuni mesi. Gli utenti devono dunque accettare la registrazione della corsa prima di salire a bordo del veicolo visto che i file audio vengono poi trasmessi in forma criptata ai server dell'azienda.

L'accesso alla registrazione di una corsa sarà possibile dietro richiesta delle autorità se necessario per compiere delle indagini oppure in caso di segnalazione da parte dei passeggeri al team della società preposto alla sicurezza. I file audio vengono cancellati dopo una settimana se non arriva nessuna segnalazione.

LEGGI ANCHE: In Australia niente Uber per chi ha un punteggio basso

Uber Europa Didi Chuxing

Anche Uber punta sulla sicurezza, novità in arrivo in Europa?

Le notizie su Didi Chuxing ci interessano solo relativamente come consumatori ma queste scelte rappresentano una tendenza che si sta consolidando in un settore, quello del ride-sharing, in crescita anche in Europa.

Uber ha dichiarato di puntare a un obiettivo di massima sicurezza. L'azienda cercherà di produrre migliori dati su incidenti avvenuti a bordo delle proprie auto, ricercando tra i driver dei comportamenti sospetti come corse finite in luoghi lontani rispetto a quelli previsti. È comunque da ricordare che la società ha introdotto un pulsante d'emergenza nell'applicazione che consente al passeggero di mettersi in contatto con le autorità.