Quanti di noi hanno tentato la sorte, almeno una volta nella vita, comprando un biglietto Gratta e vinci, sperando di poter mettere le mani su uno dei ricchi montepremi in palio e sistemarsi una volta per tutte.

Ottenere questi premi in denaro è davvero difficile, quasi impossibile: le probabilità di vincita sono estremamente basse, ma Lottomatica ha deciso di rinnovare il mondo deiGratta e vinci tramite un concorso aperto a tutti coloro che vogliono mettere in gioco le proprie idee.

LEGGI ANCHEOTEC2018, la competizione di Pechino per startup italiane

La componente Disrupt

L’azienda è infatti alla ricerca di startup e sviluppatori in grado di portare una vera e propria innovazione e cambiare il concept di fruizione e di intrattenimento dietro la vendita dei Gratta e vinci online.

I partecipanti di questo contest non dovranno quindi limitarsi ad un semplice restyling grafico più moderno ed appetibile esteticamente, bensì puntare ad idee in grado di combinare più dispositivi e servizi, e dare una risposta concreta alle nuove esigenze di mercato in termini di tecnologia e di fruizione.

L’importanza della componente online per quanto riguarda i servizi di giochi e scommesse è infatti immensa, basti pensare ai portali ufficiali di Lottomatica che aumentano le percentuali di gioco, ma vengono sfruttate solo da una manciata di utenti.

LEGGI ANCHE: The Future Makers, BCG sceglie 100 talenti per il futuro dell’economia

Basta poco per partecipare

Tutti coloro che avranno intenzione di candidarsi, avranno tempo fino al 31 maggio 2018. Basterà accedere tramite il sito Lottomatica, nella seguente sezione indicata, per effettuare la registrazione.

Dopodiché saranno selezionati 10 trai progetti candidati; 5 tra la categoria utenti e l’altra metà tra quelli presente nella categoria degli utenti professionali, ovvero le aziende.

Gratta e vinci online

Lottomatica con questo progetto ha quindi in mente di portare in auge la componente online, ma soprattutto quella digitale, del settore di vincita dei premi a denaro; un compito arduo se consideriamo la diffidenza che la maggior parte dei “giocatori” ha nei suoi confronti per via della paura radicata di affidarsi ad un sistema programmato per essere aleatorio e statisticamente ingannevole.