drone-defribrillatore

Gli scienziati russi dell’Istituto di tecnologia di Mosca hanno installato un defibrillatore su un drone in modo tale da, potendo essere pilotato a distanza, soccorrere in modo remoto un’eventuale persona che necessita di rianimazione cardiopolmonare.
Molto simile ad un’ambulanza d’aria, ma – presumibilmente – molto più economico.

Il progetto è una collaborazione tra il Laboratorio Aerospaziale dell’Istituto Tecnologico di Mosca (MTI) e la società di servizi medici russi, Altomedika.

Secondo un portavoce, la portata del drone russo è di circa 50km, ed è in grado di trasportare un carico utile di 3kg, con dimensioni compatte ed una grande versatilità nell’uso.


Sotto il controllo dell’operatore, il drone trasporta il defibrillatore in aereo il più presto possibile“, ha annunciato il team del progetto. Il dispositivo funziona sia in modalità manuale che in modalità automatica“.

Ovviamente è ancora necessario che vi sia un essere umano nel sito di atterraggio al fine di collegare gli elettrodi, e seguire le indicazioni, in modo che il trattamento possa essere eseguito.


“Il defibrillatore analizzerà l’ECG, memorizza i dati per un medico e, se necessario, produce una serie di scariche secondo le raccomandazioni internazionali sulla rianimazione cardiopolmonare”.

drone-defribrillatore-soccorso
Il portavoce ha dichiarato che l’idea sarebbe stata quella di far decollare i droni dalla più vicina ambulanza o ospedale, in modo tale da raggiungere una persona in difficoltà più rapidamente di un’ambulanza che viaggia a livello di strada.


“I potenziali clienti sono il Ministero delle Emergenze della Russia e il Ministero della sanità della Federazione Russa”, ha detto il portavoce.

Ha aggiunto che un’altra possibilità per commercializzare il drone sarebbe quella di utilizzarla come piattaforma di carico – presumibilmente per le consegne. Anche se è limitato a portare 3 kg di peso.

“Oltre al defibrillatore, è in grado di fornire farmaci e biomateriali in situazioni di emergenza, nonché telecamere con altoparlante per la consultazione medica“, ha aggiunto il portavoce.