ford, domino's, pizza

Ford e Domnio's, la più famosa impresa di ristorazione internazionale specializzata nella vendita di pizza, hanno stretto un accordo per poter sperimentare la consegna del cibo a domicilio, attraverso l'uso di auto driverless, ovvero senza conducente.

Ed è proprio nella sede centrale di Domino's ad Ann Arbor, nel Michigan, che la sperimentazione avrà luogo. Il colosso automobilistico metterà a disposizione le sue auto a guida autonoma, per poter effettuare uno studio approfondito su questa tecnologia in fase di sviluppo.

Per ora i clienti che beneficeranno di questa speciale consegna saranno pochissimi, l'obbiettivo è quello di testare l'idea e, di osservare le reazioni delle persone che si vedranno recapitare a casa la solita pizza, senza fattorino.

ford, domino's, pizza

Le prove inizieranno a settembre e l'esperimento durerà un mese, coinvolgendo un piccolo gruppo di clienti scelti a caso. Il veicolo scelto è una Ford Dusion Ibrida, dotata di schermo touch esterno per fornire all'utente le informazioni legate all'ordine e alla sua ricezione.

Il punto critico sarà negli ultimi metri prima della consegna: quando l'auto sarà vicina all'indirizzo di consegna, invierà un messaggio al cliente con un codice speciale. Quando l'utente scenderà in strada e troverà l'auto davanti al portone, digiterà il codice sullo schermo in modo che si aprano le porte e, sia possibile ritirare l'ordine.

Quest'ultimo passaggio, il fatto che il cliente debba scendere in strada, potrebbe essere il punto debole, dato che molti ricevono la pizza dal fattorino direttamente fuori dalla propria porta. Inoltre, a quanto dichiarato da Ford, le auto non saranno prive di conducente, ma alla guida si troverà sempre un ricercatore per analizzare l'esperimento in prima persona.

ford, domino's, pizza

Domino's sta migliorando i suoi metodi di consegna e, dagli anni sessanta si sono trasformati in modo radicale. Prima di tutto, l'azienda spinse sulla rapidità di consegna che, a causa dei problemi stradali, dovette abbandonare. Qualche anno fa ci fu il lancio del servizio di ordinazione su Twitter e, nel 2016, iniziò la sperimentazione tramite droni, in Nuova Zelanda.

 

Diversamente Ford, nella corsa per l'auto del futuro, non si tira indietro e sfrutta l'occasione per testare su strada il nuovo esperimento.