Secondo quanto riferito, Google sta lavorando su un headset standalone per la realtà aumentata che utilizzerà i nuovi chip Qualcomm.

Di cosa si tratta?

Il nuovo dispositivo sarà costruito dal produttore di computer taiwanese Quanta. Il progetto è ancora nelle sue fasi iniziali, secondo quanto ha annunciato l'azienda.
L'headset AR dovrebbe essere simile a HoloLens di Microsoft, un headset uscito nel 2016 e destinato al design, alla formazione e all'uso industriale. L'headset Google AR in fase di sviluppo sarà autonomo e alimentato da un chip Qualcomm, anziché collegato a un altro dispositivo. Includerà ovviamente anche telecamere e microfoni per una maggior immersività. L'headset è attualmente chiamato "Google A65".

Attualmente l'azienda non ha detto nulla riguardo la sua uscita, quindi non c'è ancora una data di rilascio per Google A65 poiché è ancora nella fase di prototipo. L'headset non funzionerà solo come un HoloLens, ma utilizzerà gli stessi chip per l'alimentazione ed in questo modo sarà in grado di ottimizzare consumi.
Si prevede che HoloLens invece verrà aggiornato entro la fine di quest'anno, con un nuovo design basato su ARM e un miglior campo visivo. I chip Qualcomm che verranno utilizzati i chip quad-core Qualcomm QSC603, basati sull'architettura ARM.

Google aveva già prodotto un headset per la realtà aumentata chiamato Google Glass, che è stata oggetto di critiche nel 2013 e ha ricevuto una nuova versione aziendale lo scorso anno. Google Glass è fondamentalmente composto da uno schermo e una videocamera intelligenti, a questa volta l'headset stile HoloLens supporta quella che a volte viene chiamata "realtà mista", con oggetti che sembrano essere parte del mondo, non solo sovrapposti ad esso. Sembrerebbe proprio che l'interazione tra realtà virtuale e la realtà stia diventando un futuro sempre più vicino.