Orange, Google, startup, economia, innovazione, EMEA,
Si prospetta un accordo fruttuoso

Google, seguendo le orme dell’azienda madre Alphabet, ha iniziato ad investire ingenti capitali in startup, attraverso CapitalG e Google Ventures.

Il patto

Adesso, la società sta avviando una partnership con Orange Digital Ventures, azienda figlia dell’operatore francese Orange, con il fine di scovare e finanziare startup nell’area EMEA (acronimo dell’inglese Europe, Middle East, and Africa, ovvero Europa, Medio Oriente e Africa). Per quanto riguarda gli ambiti, Google sembra molto interessata all’internet delle cose, cybersicurezza, servizi cloud, intelligenza artificiale e tecnofinanza.

Senza confini

A quanto pare non ci sarebbe alcun limite al fondo pattuito tra Google ed Orange Digital Ventures: le due aziende decideranno quanto investire in base alle possibilità delle startup che troveranno sul mercato. In ogni caso, i primi investimenti dovrebbero partire entro quest’anno.

Il nostro obbiettivo è quello di unire le forze per finanziare le più promettenti startup digitali; poi lavoreremo insieme per qualificarle, ed il nostro interesse in comune è in questo punto. Uniremo le forze per investire sul futuro.

È questo il punto di vista di Marc Rennard, CEO di Orange Digital Ventures (ODV).

Indipendenza e libertà

Google ha comunque specificato che si tratta di un’iniziativa completamente esterna a GV ed a CapitalG. Carlo D’Asaro Biondo, Presidente di Google Partnerships nell’EMEA, si è espresso in maniera molto positiva su questa partnership.

Siamo felici di supportare l’ecosistema di startup di Orange, e di investire per creare opportunità nell’EMEA. […] Questa collaborazione è un modo per migliorare il nostro contributo all’innovazione in queste regioni

C’è da dire che la collaborazione tra Orange e Google non è per niente una novità: le due società hanno lavorato insieme già per 10 anni in altri aspetti dei loro affari, tra cui delle ricerche sulle connettività a basso costo in Africa, che hanno portato allo sviluppo di uno smartphone ultraeconomico.