Woodman Labs, azienda produttrice delle note action cam GoPro, è adesso in procinto di licenziare tra i 200 e i 300 dipendenti. I licenziamenti sono concentrati nella divisione responsabile del drone Karma. Come riportato da TechCrunch, nella lettera ai dipendenti, la decisione viene giustificata dalla necessità di una più importante ristrutturazione aziendale.

Karma è stato un flop?

La società californiana ha lanciato due anni fa il drone Karma che ha presentato dei seri problemi tecnici che ne hanno comportato il ritiro dal mercato. Le vendite sono ripartite a febbraio 2017 e sono risultate soddisfacenti. L’immagine del prodotto si era però indebolita e i concorrenti hanno presentato nel frattempo alcuni prodotti interessanti.

goPro Karma

Una strategia di diversificazione

La società ha deciso negli anni di diversificare la propria offerta e il drone Karma è stato parte di questa strategia insieme alle tecnologie per realtà virtuale ed aumentata. I risultati sono stati complessivamente positivi e probabilmente non erano presenti alternative per evitare di perdere fatturato, vista l’alta qualità delle nuove fotocamere integrate negli smartphone.

GoPro e la strategia dietro ai licenziamenti

La società ha avuto nel 2016 il suo peggior risultato finanziario e ha per questo iniziato nella fine del 2016 stesso a licenziare dipendenti, riducendo l’organico di 100 unità. Nel 2017 ci sono stati altri 270 licenziamenti, seguiti da buoni risultati finanziari nel Q2.

I licenziamenti che saranno ufficialmente annunciati tra qualche settimana, dopo il CES di Las Vegas, rientrano in una strategia complessiva di alleggerimento della struttura organizzativa che sembra essere la giusta strada. Vedremo nei prossimi mesi se questa decisione avrà degli effetti negativi sulla capacità della società di sviluppare nuovi prodotti, fattore chiave nel mondo tecnologico.