grab logo

Dopo molte speculazioni, il rivale di Uber del sud-est asiatico Grab è entrato settore del bike-sharing dopo aver lanciato un servizio a Singapore.

GrabCycle Beta offrirà una vasta gamma di servizi, tra cui servizi di bike sharing oBike – che include Grab come investitore – GBikes e Anywheel, oltre al noleggio di scooter elettrici con Popscoot. Il progetto è il primo a essere lanciato da GrabVentures, il nuovo “braccio di innovazione” di Grab che si concentra su progetti oltre i taxi, come pagamenti e trasporti.

Nonostante le biciclette senza dock facilitino l’accesso ai mezzi, hanno ricevuto parecchie critiche poichè cause di grandi “discariche” di biciclette che sono diventate comuni in tutta la Cina. Grab sta cercando di mitigare tale preoccupazione collaborando con l’isola di Singapore Sentosa, quest’ultima offrirà infatti stazioni di parcheggio dedicate per le biciclette. La società prevede di aggiungere altri partner per aiutare a evitare “inquinanti spazi pubblici” con i mezzi.

“A Singapore, circa un viaggio in auto su cinque è di tre chilometri e meno. Esiste un enorme potenziale per convertire questo segmento di pendolari in utenti di bike-sharing, a sostegno delle ambizioni eco del Paese “, ha scritto Grab in un annuncio che è stato distribuito alla stampa odierna.

Tornando al sud-est asiatico, il servizio sarà inizialmente operativo a Singapore, dove ha sede la società, ma c’è il potenziale per estenderlo ad altri mercati nel sud-est asiatico secondo le conferme di un portavoce. Al momento, il servizio Grab di base è presente in otto paesi in tutta la regione con 86 milioni di download e 2,6 milioni di driver.