grab logo

Il rivale asiatico di Uber, Grab, ha confermato di aver ottenuto un investimento, non divulgato, da Toyota.
Il gigante automobilistico giapponese è stato nominato come uno dei partecipanti ad un round Serie G del valore di 2,5 miliardi di dollari. La società con sede a Singapore ha confermato che SoftBank e Didi hanno contribuito con 2 miliardi di dollari, ma sta raccogliendo altri 500 milioni di dollari da altri partecipanti.

C’è una componente collaborativa di questo accordo con Toyota, che sta facendo il primo investimento dal suo Future Technology Fund. I due lavoreranno da vicino per ottimizzare le prestazioni dei veicoli Toyota all’interno della piattaforma di driver Grab.

Grab distribuirà dati sui modelli di guida di 100 automobili Toyota e l’azienda automobilistica analizzerà i dati acquisiti e offrirà consigli su come gli altri servizi di auto collegati sulla Toyota Mobility Service Platform (MSPF) possono migliorare l’esperienza per i driver sulla piattaforma Grab.
Va specificato che l’investimento è di Toyota Tsusho, il braccio commerciale di Toyota, mentre la partnership dei dati è con Toyota Motor.

Toyota non è la prima società automobilistica a possedere un pezzo di Grab, che ora è valutato a oltre 6 miliardi di dollari. Honda ha fatto un simile investimento non divulgato accoppiato ad un’alleanza alla fine dell’anno scorso.

Grab è presente in 87 città in sette paesi dell’Asia sudorientale. Ha oltre 55 milioni di download di app e 1,2 milioni di driver. Il rivale, Uber, è anche in sette paesi della regione, ma non fornisce informazioni sulle sue attività. Un altro grande rivale è Go-Jek, che è presente in Indonesia e che si avvicina a un round di 1,2 miliardi di dollari.