Intel, arrivano chip con protezione da Spectre e Meltdown integrata

I7 7740K

Nel gennaio 2018, la notizia dell'esistenza di due vulnerabilità inevitabili ed intrinseche alla struttura delle CPU moderne ha gettato il mondo dell'informazione nel panico. I grandi nomi del mercato PC sono immediatamente corsi ai ripari: Spectre e Meltdown hanno ricevuto rapidamente una prima patch correttiva (seguita a ruota da una seconda patch più specifica). Dopo essersi occupata, nei limiti del possibile, della riparazione di queste due falle, Intel ha deciso di prendere la situazione di petto ed eliminare il problema alla radice. I processori Intel di futura generazione sono stati completamente riprogettati per essere a prova di Spectre e Meltdown.

L'ottava generazione di Intel sarà completamente blindata

I processori di ottava generazione integreranno nuovi livelli di protezione per far fronte ai diversi ceppi Spectre. Il CEO di Intel, Brian Krzanich, ha confermato che i processori non saranno più affetti da nessuna delle due vulnerabilità grazie ad un sistema di "partitioning". Secondo Krzanich, con partitioning ci si riferisce ad un ulteriore livello di protezione frapposto tra le varie applicazioni in esecuzione, che dovrebbe di fatto risolvere qualunque problema di vulnerabilità simil-Spectre. In un post sul blog newsroom di Intel, il CEO conclude dicendo di guardare al partitioning come ad una "ulteriore barriera protettiva tra le applicazioni e i livelli di privilegio dell'utente, al fine di creare un ostacolo per eventuali azioni malevoli".

Meltdown Spectre Intel Patch Falle

Questo nuovo sistema sarà implementato a partire dalla linea Core di ottava generazione e dalla linea Cascade Lake di processori Xeon. Non è ancora chiaro in che misura l'implementazione di queste nuove misure di sicurezza comprometterà le performance delle CPU, ma il post di Krzanich sembra suggerire che non ci dovrebbero essere troppe ripercussioni negative su questo fronte. L'obiettivo di Intel, aggiunge il CEO, è sì quello di garantire le migliori performance possibili ma, al tempo stesso, di garantire anche il maggior livello di sicurezza possibile. Inoltre, Krzanich rassicura i possessori di CPU precedenti alla settima generazione: tutti i processori rilasciati negli ultimi 5 anni sono ora al 100% protetti contro eventuali attacchi Meltdown o Spectre.