La guida autonoma è la tecnologia di maggior interesse nell’ambito dell’automotive innovativo al momento e vede la presenza sul mercato delle maggiori società tecnologiche e delle più importanti case automobilistiche. Si aggiunge alla lista Volkswagen con un progetto per offrire sul mercato israeliano un servizio di taxi senza conducente in collaborazione con Mobileye, azienda del gruppo Intel che sta sviluppando le tecnologie nel settore.

La sperimentazione per la MaaS partirà dal 2019

L’innovazione di business model dell’auto è la Mobility as a Service (MaaS), già lanciata dallo sviluppo dei servizi di ride sharing ma che arriverà a un nuovo livello con l’introduzione della guida autonoma.

La sperimentazione prevede l’introduzione a partire dal 2019 in Israele di taxi a guida autonoma Volkswagen che utilizzeranno la tecnologia di Mobileye, la società specializzata del gruppo Intel che collabora anche con altri produttori automobilistici. Sarà inoltre importante la collaborazione di Champion Motors che si occuperà della gestione della flotta di veicoli.

Intel e Volkswagen pronte alla commercializzazione del modello per il 2022

La sperimentazione avverrà in un quadro di pieno supporto governativo, fatto che non stupisce visto il ruolo assunto da Israele nell’innovazione e che consentirà alle aziende di mettere alla prova le tecnologie sviluppate con l’obiettivo di un lancio commerciale, che partirà comunque da Tel Aviv, già nel 2022.

Possiamo dunque considerare aperta la gara tra le diverse aziende presenti nel settore. Le concorrenti più accreditate sono Waymo (Google), Tesla e Uber anche se quest’ultima non esclude la cessione della divisione specifica in vista della IPO prevista per il 2019. Non bisogna però trascurare gli investimenti nel settore delle aziende cinesi, come dimostrano le ricerche nel settore del colosso del web Baidu e della startup Poly.ai, che afferma di aver già la tecnologia per una guida autonoma di livello 4.