Let your things speak“, questa è l’idea della startup italiana IOOOTA s.r.l, fondata da un team di 7 professionisti di età compresa tra i 30 e 37 anni e con competenze diverse e complementari. Luca Degli Esposti, Roberto Pierpaoli, Riccardo Malatesta, Andrea Previati, Maurizio Pinotti, Alan Alberghini e Mirko Falavigna hanno sviluppato Jarvis, il prodotto che esprime perfettamente il motto della società. Funziona infatti sfruttando i dispositivi che circondano l’utente e facendoli letteralmente parlare ed interagire tra loro. Questo semplifica la vita, la rende più sicura, confortevole, con un occhio di riguardo “green” che fa risparmiare energie, tempo e denaro.

Il robot Jarvis

Jarvis è il dispositivo IoT intelligente per la casa e l’ufficio, fa sì che l’utente possa gestire e controllare in modo davvero semplice, diretto e da qualunque posizione, parametri importanti come il risparmio energetico, la sicurezza dei propri spazi e quella delle persone care. Riesce a intervenire in tempo reale in situazioni che, per fretta o distrazione, possono capitare.

jarvis iot domotica iooota

Un esempio pratico è quello che accade nel caso l’utente si dimentichi le luci o la TV accesa, Jarvis lo segnala sul cellulare e li spegne per l’utente. Se rileva un’apertura anomala e non preventivata di una porta o una finestra (ad esempio mentre i proprietari di casa sono al lavoro), avverte in tempo reale inviando una notifica di allarme sul cellulare del cliente e di alcune persone fidate. Il sistema è già in grado di rilevare altri problemi, come ad esempio gli incendi.

L’hub digitale per la domotica

Tutto ruota attorno a Jarvis, di base proposto all’interno di un kit di dispositiviintelligenti” per la domotica già presenti sul mercato, dove non servono installatori o tecnici particolari per integrarli nelle case e negli uffici di oggi. Il sistema si integra infatti con tecnologie già esistenti ed è progettato per includere in futuro l’ingresso di nuovi dispositivi. L’interoperabilità è infatti fondamentale per non vincolare troppo gli utenti a un singolo fornitore di elettrodomestici.