trasformazione digitale we|Lab Bari ibm marketing brevetti blockchain intelligenza artificiale Nazioni Unite

IBM è una società importante nel settore informatico che ha contribuito alla nascita di molte tecnologie che utilizziamo quotidianamente. La parola chiave è innovazione, come dimostra un numero del 2017: 9043. Non è un dato finanziario ma è il numero di brevetti che porta l’azienda a essere la prima per numero di brevetti depositati per il venticinquesimo anno di fila. 8500 ricercatori, ingegneri, scienziati e progettisti in 47 stati USA e 47 paesi nel mondo, hanno consentito alla società di superare i 100000 brevetti depositati.

“Nel corso degli ultimi 25 anni, la leadership di IBM nell’ambito dei brevetti ha cambiato il modo in cui il mondo si trova ad affrontare il progresso nell’era dell’informatica. Oggi, circa la metà dei nostri brevetti rappresentano innovazioni rivoluzionarie in settori quali intelligenza artificiale, cloud computing, sicurezza informatica, tecnologia blockchain e informatica quantistica, tutte mirate ad aiutare i nostri clienti a portare avanti e realizzare attività più smart.”

Ginni Rometty, presidente e CEO di IBM

Le innovazioni di IBM negli anni

Non possiamo analizzare tutti i centomila brevetti depositati, ma possiamo citare alcune innovazioni brevettate negli ultimi 25 anni. Sono brevetti IBM l’apposizione dei watermark anti-copia sulle immagini, le chiavi di protezione con procedura di recupero, la capacità per i computer di svolgere processi quando inattivi. Ci sono anche sistemi per la sicurezza delle carte di credito, l’assistenza con RFID per aiutare nella guida le persone con difficoltà visive.

I brevetti di IBM nel 2017

Ritornando però all’anno da poco terminato, possiamo analizzare alcuni dati e vedere alcuni brevetti importanti.

ibm watson intelligenza artificiale

Il Cloud computing, sempre più richiesto dai clienti, è il settore che ha prodotto più brevetti, oltre 1900, incluso uno realizzato per prevedere le richieste di risorse cloud, che utilizza dati non strutturati relativi ad eventi mondiali o locali. Il sistema è in grado di monitorare le sorgenti dei dati, inclusi bollettini meteorologici e social network, per identificare dove e come le risorse cloud vadano assegnate per rispondere alle esigenze.

Uno dei settori in cui IBM eccelle è l’intelligenza artificiale, con oltre 1400 nuovi brevetti, finalizzati a risolvere il problema della mancanza di personalizzazione dell’AI che la rende limitata nell’interazione con l’uomo. Per questo la società ha sviluppato un sistema che aiuta l’intelligenza artificiale ad analizzare e imitare i modelli di comunicazione degli utenti.

Gli inventori IBM hanno ottenuto anche 1.200 brevetti nell’ambito della cybersecurity, incluso uno relativo a una tecnologia che permette ai sistemi di intelligenza artificiale di cambiare le carte in tavola nei confronti degli hacker, attirandoli all’interno di scambi e-mail e di siti web con l’obiettivo di far sprecare loro risorse e vanificare gli attacchi o le e-mail di phishing.

L’impegno per l’informatica quantistica

IBM è presente nell’emergente settore dell’informatica quantistica, per il quale ha sviluppato soluzioni commerciali che sono state già scelte da importanti imprese industriali e finanziarie. Ha ad esempio brevettato un modo nuovo per migliorare la capacità del computer di acquisire e archiviare informazioni, chiamato “signal readout fidelity”. Questo metodo aumenta l’efficienza dei componenti necessari a realizzare un sistema di informatica quantistica.