Lumosity Logo

Molti considerano il cervello umano come un muscolo. A partire da quest'idea sono nati numerosi programmi e corsi per allenarlo giorno dopo giorno, con il fine di migliorarne le prestazioni. Secondo gli scienziati ed i game designers che hanno sviluppato Lumosity – uno dei piú grandi programmi interattivi di allenamento mentale – allenare il cervello sarebbe un'attività simile alla ginnastica, e se ne trarrebbero numerosi effetti benefici.

In particolare il business del brainn training ha fatturato milioni durante gli ultimi anni. Basti pensare che Lumosity ha superato il milione di dollari di guadagni, e, con un utenza di oltre 85 milioni di persone, promette di far lievitare ulteriormente queste cifre. Fino a raggiungere introiti ce andranno tra i 4 ed i 10 miliardi entro il 2020.

Ma le ricerche scientifiche in questo ambito hanno da ridire. Già nel 2014 piú di 70 famosi neuroscienziati e psicologi avevano firmato uno studio il quale affermava che non c'è alcuna certezza sul funzionamento di questi metodi ed esercizi.

D'altra parte, una recente ricerca condotta dalla Johns Hopkins University è arrivata a dimostrare che un esercizio in particolare usato dagli scienziati per condurre esperimenti sul cervello sarebbe effettivamente funzionante: in particolare migliorerebbe memoria ed aumenterebbe l'attività cerebrale.

"La gente dice che alcuni training funzionano, altri no. Noi abbiamo dimostrato che dipende dal tipo di allenamento. E uno, in particolare, dà i risultati piú consistenti". Sono queste le parole di Kara J. Blacker, uno dei membri del team.

Alla luce di queste scoperte, Lumosity ha dovuto rimborsare, all'inizio dello scorso anno, ben 2 milioni di dollari per la sua inefficienza. "Lumosity ha fatto leva sulle paure della gente sul declino cognitivo dovuto all'età, sostenendo che i suoi giochi potevano prevenire la perdita di memoria, la demenza senile e l'Alzheimer" ha detto Jessica Rich, direttore dell'ufficio di protezione dei consumatori della Federal Trade Commission, "ma non c'è nessuna prova".