Il Macbook Pro del 2016 è stato un dispositivo sia rivoluzionario che retrogrado. Al suo interno sono presenti molti componenti datati, ma le sue prestazioni eguagliano i migliori PC presenti sul mercato. Quest'anno, il suo successore potrebbe essere ancora più performante, stando alle previsioni dell'analista Ming Chi-Kuo di KGI Securities.

MacBook Pro 2017: aggiornamento hardware in arrivo?

macbook pro 2017

Secondo Kuo, il prossimo dispositivo Apple godrà di un aggiornamento hardware incrementale, che includerà sia un aumento della memoria RAM che l'introduzione di un processore Kaby Lake. In particolare, l'analista parla di un modello MacBook Pro 2017 da 15 pollici dotato di ben 32 gb di RAM. Infatti, molti utenti si sono lamentati del fatto che Apple non abbia proposto un dispositivo del genere già nel 2016, con la concorrenza che ha già raggiunto i 64 gb di RAM. Questa opzione non includerà, tuttavia, i modelli dotati di schermo da 12 pollici, che avranno un massimo di 8 gb di RAM. Per quanto riguarda MacBook Air non è stata fatta alcuna menzione.

MacBook Pro 2016: rivoluzione o passo indietro?

macbook pro 2017MacBook Pro 2016 era stato molto criticato per delle mancanze abbastanza gravi, come l'utilizzo di sole porte USB-C ThunderBolt 3, l'abbandono della porta MagSafe, l'assenza totale di uno slot SDmicroSD, e anche la mancanza, appunto, di un modello da 32 gb di RAM. Inoltre, la batteria ha un'autonomia scarsa rispetto ai precedenti modelli MacBook Pro, e alcune unità sono afflitte da un problema grafico, che causa uno sfarfallio dell'immagine sullo schermo. Difetti piuttosto gravi, per una macchina che ha un prezzo abbastanza alto, e che dovrebbe dare il massimo in tutto. Nonostante ciò, MacBook Pro 2016 è stato un successo, e, giudicando le varie dichiarazioni di Apple, è stato anche ben accolto dal mercato.

Ricordiamo che MacBook Pro 2016 è disponibile in vari modelli, il cui prezzo varia a seconda dell'hardware a disposizione. Per ulteriori informazioni, basta cliccare qui per essere indirizzati direttamente al sito ufficiale di Apple.