mediatek logo soc chip cpu smartphone androi

Il riconoscimento del volto è uno dei nuovi sistemi di sicurezza che gli smartphone di oggi puntano ad avere. Ad eccezione di alcuni top di gamma, la maggior parte degli smartphone ha un riconoscimento facciale scarso. Per questo motivo MediaTek ha svelato la sua personale tecnologia di riconoscimento facciale 3D chiamata Active Stereo.

MediaTek Active Stereo: riconoscimento facciale 3D per tutti

Active Stereo punta a far concorrenza al FaceID di Apple (iPhone X è stato il primo smartphone ad adottarla), offrendo un livello di affidabilità e velocità simile ma ad un costo decisamente più basso. Infatti un problema di FaceID è dato dal suo elevato costo per via dei sensori e dell'algoritmo utilizzati, ma compensa con un alto livello di affidabilità, tant'è che è impossibile sbloccarlo usando una semplice foto del proprietario.

MediaTek vuole offrire sul mercato Android la medesima tecnologia ma ad un prezzo più basso per gli OEM. Il suo sistema prevede l'uso di un proiettore ad infrarossi affiancato da due lenti IR forniti da HiMax, un motore di accelerazione per la profondità di campo e algoritmi ottimizzati con machine learning sviluppati da Vision Technology Face++.

Attualmente le due tecnologie software sono già implementate nei SoC MediaTek Helio P60 e P22 ma vengono utilizzate, attualmente, solo per gli effetti creativi della fotocamera anteriore. Al momento non si sa su quali SoC MediaTek verrà adottata questa tecnologia e come andrà contro la prossima generazione di FaceID.