Meltdown e Spectre, Microsoft e Intel rilasciano patch

Meltdown e Spectre sono due problemi che recentemente hanno sconvolto il mondo dell'hardware e della tecnologia; riguardano falle di sicurezze nelle CPU desktop e mobile che permettono l'accesso ad aree di memoria dedicate al kernel, aree che contengono dati sensibili e dovrebbero essere private.

Ovviamente le grandi aziende sono subito corse al riparo, Intel, colei che più è stata colpita ha già rilasciato delle patch per risolvere il problema. Inoltre, la stessa azienda ha suggerito ad alcuni rivenditori di interrompere la loro distribuzione a causa di problemi relativi alla stabilità che potrebbero portare, in alcuni casi, al riavvio spontaneo.

Per quanto riguarda Intel si vocifera inoltre che la stessa azienda, secondo il Wall Street Journal, abbia rivelato di tali problemi prima ad alcune aziende cinesi che al governo statunitense.

Tale questione, se si verificasse vera, avrebbe potuto fornire alla Cina un potente strumento di spionaggio. A tal proposito il governo USA non si è ancora espresso mentre Intel ha dichiarato che non è stato possibile avvisare tutti in tempo poiché Meltdown e Spectre sono stati rivelati prima del previsto.

Tornando alle patch, a questo punto entra in gioco direttamente Microsoft che ha rilasciato altre patch per ovviare ad una delle varie problematiche. La patch è disponibile per Windows 7, 8 e 10 ed è dedicata alla falla nota come Branch target injection vulnrability, anche detta Spectre Variant 2. Questa è la falla che, appunto, causa instabilità nel sistema.

Il codice relativo a questa patch è KB4078130, se non avete ancora ricevuto l'aggiornamento potrete scaricarlo direttamente qui. La patch consiste in alcune modifiche al registro di Windows e quindi Microsoft offre la possibilità di intervenire manualmente.

Ovviamente tali procedure sono dedicate ai più esperti. Microsoft mette comunque a disposizione sia i dettagli per Windows Server che per i client Windows 7, 8, 10.