Molekule, HEPA, purificatore aria,startup, innovazione
Il modello base di Molekule.

Nel corso della nostra vita avremo sicuramente visto migliaia di pubblicità che rappresentavano prodotti fantascientifici che si sarebbero, in seguito, rivelati palesemente farlocchi. Promesse incredibili si traducevano quasi sempre in truffe stratosferiche. Ma con le startup è tutta un’altra storia: ci sono dietro numerosi test e degli investitori competenti.

Ad oggi possiamo affermare che esiste un purificatore d’aria davvero funzionante. Si chiama Molekule, è nato da un sogno di immigrati a San Francisco formulato 20 anni fa e adesso è stato addirittura menzionato nelle migliori 25 invenzioni del 2017 dal Time.

Dall’utilità del singolo, il vantaggio della società

L’idea è partita da Yogi Goswami, il quale aveva notato la difficoltà respiratoria del suo piccolo figlio Dilip. Dilip soffriva di asma, ma nessun purificatore d’aria sembrava riuscire a lenire il suo problema: i classici filtri HEPA (dall’inglese High Efficiency Particulate Air filter) sul mercato infatti si limitano ad intrappolare alcuni elementi inquinanti, mentre lasciano libere numerose altre molecole dannose.

Così Yogi ha iniziato a pensare ad un purificatore – Molekule – che avrebbe risucchiato anche molecole di muffe, allergeni e batteri anche mille volte più piccole di quelle catturabili con filtri HEPA. Inoltre, ha ben pensato di fare in modo che il suo purificatore eliminasse gran parte di quest’ultimi, creando un’aria davvero più pulita.

Dilip e Jaya Goswami hanno “testato” personalmente gli esperimenti del padre, ed adesso sappiamo dov’è arrivata la compagnia.

L’idea giusta al momento giusto

Ovviamente la tecnologia costa: un cilindro di Molekule, in particolare, viene venduto alla cifra di 800 $, con la possibilità di pagare a rate mensili da 67 $. C’è da dire che il prodotto ha avuto un ottimo successo sul mercato americano: fino al prossimo 3 gennaio infatti tutti i modelli di Molekule sono esauriti. Tutto ciò ha creato un giro d’affari dal volume di 13 milioni di dollari, una cifra non indifferente per una startup di questo livello.