Steam SteamVR

I saldi Steam. Quei periodi dell'anno in cui le persone impazziscono e svuotano i propri risparmi per comprare tonnellate di titoli che probabilmente non avranno il tempo di giocare. E lo dico per esperienza personale, ho una libreria con più di 200 giochi ed è tanto se sono riuscito ad arrivare ai titoli di coda di una ventina.

Ma non siamo qui a parlare di questo, l'argomento di oggi è ben altro: ormai tutti questi saldi non hanno lo stesso effetto di una volta. Mi spiego: quando Gabe Newell lanciò Steam scontare un gioco del 30%, 50% o addirittura del 75% era qualcosa di assurdo, che un qualsiasi negozio di videogiochi si sarebbe sognato mai di fare. Ma adesso Valve, con un fatturato che arriva fino ai 4 miliardi di dollari annui divisi tra 250 dipendenti, ha il monopolio della vendita di videogames su PC e non si sbilancia più di tanto. E ad affiancarlo sono apparsi numerosi siti che vendono keys riscattabili sulla piattaforma a prezzi notevolmente inferiori. In questo articolo vi dirò #indueparole la mia opinione sulla questione.

Gabe Newell, steam, #indueparole, g2a, kinguin
Uno dei memes più famosi riguardante Gabe Newell lo ritrae come un re circondato da saldi.

1Affidabilità

Come parola potrebbe sembrare un pochino strana, ma la trovo particolarmente azzeccata. Non tutti infatti hanno il coraggio di rischiare di perdere i soldi acquistando su un sito esterno – anche se molti di questi offrono protezioni e garanzie -, e Steam ovviamente è considerata la piattaforma più stabile ed affidabile al momento. La sicurezza Valve è solidissima, e rari sono stati gli attacchi hacker che sono riusciti a scalfire le porte blindate del colosso creato da Gabe Newell. Verso i siti di keys rimarrà sempre una certa diffidenza, trattandosi di un mercato grigio: di per se vendere ed acquistare cd keys è legale, ma ci sono alcune faccende riguardanti fisco e tasse ancora non ben definite dalla legge. In più, è capitato che publisher disattivassero chiavi di gioco esterne poiché fraudolente – da ricordare la crociata di Ubisoft -.

2Oculatezza

g2a, sito leader del commesrcio di keys online, vanta di avere Pewdiepie come sponsor.

C'è poco da fare: Valve ha trovato la strategia vincente. Gran parte del successo dei saldi Steam sta in un concetto basilare che fa davvero la differenza: gli sviluppatori, pubblicando un gioco sulla piattaforma, ottengono il 70% degli introiti, e possono gestire il prezzo a loro piacimento. È per questo che vediamo saldi davvero spropositati, che sia nel week-end o nei periodi designati da Valve.

Lo sconto sul prezzo di copertina di un titolo sale gradualmente, fino a raggiungere anche il 70% l'anno successivo all'uscita. E come si dice, squadra vincente non si cambia. Su questo punto però i siti che vendono chiavi di gioco online sono avvantaggiati, poiché spesso offrono da subito sconti altissimi, che vanno oltre quelli offerti da Steam. Un esempio è stato Batman Arkham Knight che veniva venduto a meno di metà prezzo addirittura prima del lancio.

A tutto questo si aggiunge il marketing sempre più oculato ed in continua evoluzione: ad esempio G2A ha Pewdiepie – lo youtuber che tratta di videogiochi più famoso al mondo, per chi non lo conoscesse – come sponsor, mentre Kinguin si tiene in continuo contatto con i propri acquirenti tramite una pagina Facebook sempre aggiornata.

Sotto questo punto di vista si può dire che qualcosa si sta muovendo, e che Valve non potrà continuare indisturbata sulla strada del monopolio.