NASA e la rivoluzione spaziale con la sonda Parker

NASA sonda Parker

NASA è celebre per tutti i successi e le imprese compiute nel settore spaziale, nel bene e nel male, ed è vicina a realizzarne un'altra e di proporzioni davvero importanti. Questa ha infatti recentemente inviato una sonda per esplorare un "continente" finora mai solcato, ovvero il sole.

LEGGI ANCHE: Addio NASA, Trump privatizzerà la Stazione Spaziale Internazionale?

Un'impresa mai riuscita

Parker, questo è il nome del velivolo che solcherà l'orbita infuocata della stella ed è dedicata ad uno dei maggiori esperti di eliofisica, il professor Eugene Parker. La sonda è partita lo scorso 11 agosto 2018 per svelare i misteri dei cosiddetti venti solari, argomenti cari allo studioso a cui è stata intitolata.

Dotato di un sofisticato scudo termico, il velivolo è progettato per effettuare 24 orbite in  un periodo di tempo di 7 anni e raccogliere costantemente dati sul percorso e le traiettoria effettuate prendendo come riferimento i fuochi di Venere.

LEGGI ANCHE: La NASA scende sulla terraferma con Superelastic

NASA sonda Parker

Secondo le previsioni ufficiali, la sonda dovrebbe riuscire a raggiungere il sole il prossimo 8 ottobre 2018, trasportata nelle profondità dello spazio da un razzo Delta IV Heavy della ULA, la United Launch Aliance, arrivando a raggiungere le 4 milioni di miglia di distanza dalla superficie solare dopo aver attraversato lo strato incandescente della corona.

La NASA ha quindi lanciato un progetto di fondamentale importanza e spera di poter donare al genere umano una delle "scoperte" più sensazionali dell'ultimo secolo, d'altronde anche lo stesso Eugene Parker, oramai novantunenne, potrebbe veder realizzati finalmente i suoi desideri di conoscenza verso uno dei misteri più grandi per l'uomo.