I social network sono stati pensati come delle piattaforme in grado di connettere una vastissima rete di persone, anche molto distanti tra loro. Questo trend è stato però rivoluzionato nel corso tempo, soprattutto dopo l'inflazione che ha raggiunto con il grande successo dettato da social come Instagram e Facebook.

Nextdoor è uno di quei player di mercato che rivoluziona in questo senso tale capacità di connettere ed è stato progettato per mantenere in contatto solo una cerchia ristretta di persone, ovvero il proprio vicinato.

LEGGI ANCHE: 5 social network alternativi da tenere d'occhio

Nextdoor fa quindi leva su un principio comunitario molto più ristretto, intento a rendere i quartieri più sicuri e sociali facilitando la nascita di legami ed amicizie tra le persone che vivono vicine tra loro e che, magari, non hanno ancora avuto l'occasione di conoscersi.

Ovviamente questa piattaforma non si limita a questo e permette anche di mettere in contatto gli utenti per questioni utilitarie. È infatti possibile effettuare segnalazioni di eventi e presenze sospette nel quartiere, richieste prestito di oggetti, richieste di assistenza agli anziani o di baby sitting ed all'organizzazione di eventi o iniziative di vario tipo.

LEGGI ANCHE: Quando i coupon diventano social: Spiiky

Nextdoor L'iscrizione è legata al proprio indirizzo: Nextdoor lo verificherà grazie alla localizzazione interna del dispositivo o tramite l'invio via posta di una cartolina. Ovviamente, informazioni come questa potranno essere tenute nascoste dai soggetti facenti parte della piattaforma.