Notebook gaming: dominano ASUS e MSI

notebook gaming

Quando si pensa al mondo del gaming, un appassionato associa questo quasi sempre ai PC assemblati. Negli ultimi anni, infatti, è impazzata la moda dell'assemblarsi da soli il PC adatto alle proprie esigenze. Su internet è possibile trovare praticamente ovunque guide su come creare la macchina perfetta.

Negli ultimi anni, però, c'è stato un piccolo ma radicale cambiamento all'interno di questo mondo. Le grandi aziende produttrici di computer hanno iniziato a vendere notebook con prestazioni molto simili a quelle dei PC fissi.

Questa grande fetta di mercato, in prevalenza dedicato a notebook per videogiocatori, negli ultimi anni è dominato da due grandi aziende che sfornano prodotti davvero degni di nota: ASUS e MSI.

Mercato notebook in continua crescita

Come affermato da Digitimes, giornale dedicato all'elettronica in generale, le due aziende riescono ad assorbire il 50% della domanda complessiva del mercato.

ROG G701VI di ASUS, un notebook d'alta fascia con display a 120 Hz e GTX 1080 sotto la scocca.

Nel 2015 sono stati venduti 1,1 milioni di notebook marchiati ASUS, e circa 900.000 unità da parte di MSI, statistiche che dimostrano quanto detto in precedenza.

Nel 2016 si hanno più o meno le stesse cifre, con 1,2 milioni di unità vendute da ASUS e circa 850.000 vendute da MSI.

Per quanto riguarda il 2017, sempre secondo il quotidiano tecnologico, si avrà un ulteriore aumento di vendita che si aggirerà intorno al 10-15% rispetto al 2016.

Conclusioni

Analizzando questi dati, si evince come il mercato si stia sempre più espandendo anche in questo settore, dove i prezzi proibitivi consentono solo a pochi di portarsi a casa un notebook completo in tutto e per tutto.

Staremo a vedere come si evolverà la situazione, intanto si segnala che anche altri produttori stanno ampliando il proprio catalogo con questa tipologia di prodotti, inserendo opzioni decisamente più economiche (ma non per questo di qualità più scadente) rispetto ai due grandi leader del mercato.