tesla

Il nuovo piano di compensazione di Elon Musk è esattamente come un progetto Kickstarter, il che la dice lunga su quanto il CEO creda nel suo progetto, specialmente a livello economico. Musk, infatti, ha deciso che sarà pagato solo se la compagnia raggiungerà determinati obiettivi, esattamente come accadrebbe su Kickstarter, ma su larghissima scala.

Secondo il New York Times, la remunerazione di Musk partirà esattamente da zero, andando ad incrementare una volta raggiunto l'obiettivo iniziale di 100 miliardi di dollari, misurabili nel valore raggiunto dall'azienda. L'incremento ci sarà solo nel momento in cui la compagnia di Musk raggiungerà ulteriori 50 miliardi di dollari, fino al raggiungimento di un massimo di 650 miliardi di dollari totali. Considerevole, pensando che la compagnia di Musk attualmente raggiunge un valore stimato di circa 60 miliardi, stando allo share price.

La scommessa di Musk non si ferma qui

La compensazione di Musk, se dovesse raggiungere gli obiettivi prefissati, avverrà sotto forma di azioni della compagnia stessa, con un'ulteriore postilla riguardo i termini dell'accordo: anche nel momento in cui le azioni guadagnate inizino a crescere di valore, Musk dovrà trattenerle per almeno 5 anni prima di venderle, così da soddisfare le condizioni dell'accordo. Questo significa che il CEO di Tesla non potrà fare nulla di sospetto, come per esempio innalzare il valore della compagnia nel breve periodo, per poterne lucrare personalmente il più possibile.

Elon Musk Tesla
Elon Musk, il visionario CEO di Tesla.

Va sottolineato come questo non sia un drastico allontanamento dall'originale piano di Musk. Al contrario, è strutturato in maniera davvero similare, solo con un grandissimo valore azionario ulteriore da raggiungere. Infatti, se la Tesla di Musk sarà in grado di raggiungere l'obiettivo prefissato, sarà tra le compagnie in assoluto più valutate al mondo, non solo in ambito automobilistico. Anche senza arrivare a tanto, Musk è riuscito a raggiungere tutti gli obiettivi programmati fino ad ora, ad eccezione del più oneroso tra le soglie di pagamento previste dal piano originario.

Il piano di pagamento adesso mira a trattenere Musk nella sua posizione per un ritorno nel lungo periodo, ma funziona anche per gli shareholders: infatti, l'unico modo di compensare le aspettative è il rispetto delle promesse date dal CEO.