Nel 2017, Qualcomm ha presentato i due nuovi System-On-Chip Snapdragon 630 e 660, facenti parte della serie 600, indirizzati alla fascia media e medio-alta del mercato smartphone. Da una fonte tedesca sono comparse le prime specifiche di un nuovo SoC chiamato Snapdragon 670.

Come si presuppone dal nome, la nuova nata dell'azienda di San Diego andrà a succedere l'attuale 660, che purtroppo nel mercato occidentale ha fatto fatica a diffondersi, anche se offre una potenza non indifferente grazie agli 8 core Kryo 260.

Snapdragon 670: nuova architettura Kryo Gold e Silver, tanta potenza su carta

Stando alla fonte, il nuovo SoC dispone di due core Kryo Gold (basati su ARM Cortex-A75) ad altissime prestazioni e di sei core Kryo Silver (basati su ARM Cortex-A55) a basso consumo energetico, le frequenze operative sono di 2,6 GHz per i core Gold e 1,7 GHz per i core Silver.

Tanta potenza su carta da poter raggiungere perfino il top di gamma Snapdragon 835 e l'Exynos 8895 di Samsung, pur consumando meno ed essere sempre appetibile per il pubblico. Lato GPU troviamo la nuova Adreno 615 che opera alla frequenza di 650 MHz con un boost a 700 MHz nelle sessioni più intense e il supporto alle ultime API Vulkan.

Assieme non manca il nuovo modem X2x capace di garantire velocità fino a 1 Gbps, un doppio ISP Spectra 14-bit che supporta configurazioni a doppia fotocamera fino a 13+23 MP e supporto per le memorie eMMC 5.1 e UFS. Al momento l'azienda non ha dato alcuna dichiarazione ufficiale, ed è probabile che aspetti l'MWC 2018.