Arriva proprio contemporaneamente al CES la presentazione dei risultati finanziari di Samsung che mostrano una situazione non positiva. L'azienda ha infatti messo in guardia i mercati sui rischi del rallentamento della crescita cinese, della guerra commerciale non conclusa tra le prime due economie mondiali e della contrazione del mercato delle schede di memoria. Gli ultimi risultati portano l'azienda a risultare tra le meno performanti del 2018 nel settore tecnologico come dimostra la perdita nell'ultimo anno del 24% del valore in borsa.

Cattivi risultati per il Q4 di Samsung

Gli utili per il Q4 di Samsung sono stati di 9,67 miliardi di dollari, in calo del 28,71% rispetto al Q4 2017 e inferiori ai 13 miliardi previsti dagli analisti. Il mercato dei chip di memoria ha rappresentato una sorpresa con una forte riduzione degli acquisti da parte di clienti importanti come i data center e i nuovi sviluppi del mercato degli smartphone. Questo mercato sembra per il momento stabilizzato nei volumi di vendite e la competizione diventa sempre più simile a un gioco a somma zero dove Samsung e Apple, quest'ultima tra i grandi clienti dell'azienda coreana, stanno perdendo terreno in molti mercati a favore della concorrenza, in primis di Huawei. Analizzando i dati, il Q3 2018 di Samsung, ha visto una riduzione delle vendite di smartphone pari al 13% rispetto al Q3 2017.

Servono nuove innovazioni

Il mercato degli smartphone è maturo ed è sempre più difficile attuare strategie di differenziazione tali da giustificare il mantenimento di prezzi elevati e alti margini. Quello che ci si aspetta da Samsung sono nuove soluzioni con nuove tecnologie, ad esempio la connettività 5G e gli schermi pieghevoli.

Novità dal CES e previsioni per il 2019

Considerato il peso dei chip di memoria sui profitti non ci si aspettano miglioramenti significativi per l'inizio di quest'anno. I prossimi giorni saranno però importanti, infatti durante il CES l'azienda presenta i nuovi prodotti per il mercato mondiale. Resta l'incognita sul risultato che si otterrà da questi giorni, vedremo davvero nuovi prodotti o solo nuove versioni di tecnologie sostanzialmente già viste?