vivocare, realtà aumentata, realtà virtuale, kapanus
Un esempio di ricostruzione tramite realtà aumentata.

Siete in ansia per la ricostruzione dentale? Non sapete quale sarà il risultato, è siete coscienti che non si può tornare indietro? Fino ad ora non c'era soluzione, e bisognava puntare anche un po' sulla fortuna. Ma una startup svizzera ha studiato a fondo questa situazione, ed ha trovato una soluzione semplice ed efficace al problema che ne derivava: la realtà aumentata.

Una soluzione semplice ad un problema complesso

Parliamo del progetto Kapanus – una succursale della della Swiss Technical University ETH Zurich -, il quale fondatore (Roland Mörzinger) ha pensato ad un programma in grado di raccogliere informazioni sul volto ed i denti del paziente, al fine di rielaborarli con una nuova dentatura. Il tutto tramite uno scanner in realtà aumentata. E non finisce qui: i nuovi denti saranno persino personalizzabili in dimensione e forma, per garantire la massima soddisfazione degli utenti.

Per usufruire del servizio baserà fare una scansione 3D della cavità orale (operazione che la maggior parte dei dentisti effettua molto frequentemente). Dopodiché verranno mostrati i nuovi denti, e sarà possibile regolarne le forme secondo il proprio gusto estetico. Niente di più, niente di meno.

Una volta completata questa semplice e veloce operazione, non resterà che inviare il modello salvato in realtà aumentata all'azienda specializzata nella produzione di protesi dentarie della zona, che si occuperà di fabbricazione e consegna.

Successo, fin dagli albori

Il progetto è stato mostrato per la prima volta al Dental Show a Colonia lo scorso inverno, ed ha stupito fin da subito i pezzi grossi del settore: Kapanus è stata infatti acquistata questo Giugno da Invoclar Vivadent. Non sono ancora disponibili dettagli riguardo al contratto, anche se la compagnia sta tuttora lavorando indipendentemente.

L'iniziativa di Kapanus rappresenta davvero un grande passo in avanti per la realtà aumentata, per la quale si riescono a trovare ogni giorno sempre nuove applicazioni, in qualsiasi ambito.