Con la conferenza per gli sviluppatori I / O di Google che prende il via proprio oggi, Google sta preparando la scena per quello che si aspetta essere uno dei grandi temi dell’evento: l’intelligenza artificiale. Oggi, la società ha rinominato l’intera divisione Google Research come IA di Google, con il vecchio sito di Google Research che ora indirizza al sito IA di Google.

Google ha lavorato nel corso degli anni su una vasta gamma di altre attività informatiche oltre l’intelligenza artificiale, e tutti questi contenuti continueranno a esistere all’interno di quel nuovo sito, così come ha affermato la società. Ma la mossa segnala come Google abbia focalizzato sempre più la sua ricerca e sviluppo su un nuovo terreno, attraverso le molteplici sfaccettature dell’IA, dalle tecnologie come la visione artificiale, l’elaborazione del linguaggio naturale e le reti neurali, fino alle applicazioni praticamente in ogni campo che Google al momento tocca anche solo potenzialmente, come video, ricerca e app mobili, ma anche assistenza sanitaria, applicazioni automobilistiche e altri settori.

IA Google ricerca
La sfida dell’intelligenza arificiale coinvolge appieno anche un colosso come Google: il rinominare uno dei suoi reparti di ricerca segna un importante passo verso il risultato finale di sfruttamento della IA nella vita di tutti i giorni

Un settore competitivo quello della IA, da Facebook a Microsofto tutti si stanno spartendo una fetta di mercato

Non è solo Google a riflettere su come si sta evolvendo il più ampio mondo della tecnologia; è anche una misura di quanto Google abbia influenzato il suddetto campo. Infatti, scrive Christian Howard di Google, in un post che annuncia il cambiamento, come l’azienda ha dichiarato che dalla visione artificiale alla ricerca sanitaria, abbia posto sempre più l’accento sull’implementazione di tecniche di machine learning in quasi tutto ciò che si fa su Google, proseguendo nel dichiarare come la loro ricerca è stata fondamentale per lo sviluppo e l’integrazione di questi sistemi nei prodotti e sulle piattaforme di Google. Per rispecchiare meglio questo impegno, stanno unificando gli sforzi in “Google IA”, che comprende tutte le ricerche all’avanguardia di Google.

Google sembra implicare che anche ulteriori ricerche non relative all’IA saranno ospitate nel nuovo hub di IA, anche se non è molto chiaro quale supporto e interesse ci sarà per gli altri campi, o se ora tutto ciò richiederà una implementazione di IA per progredire.

C’è un interessante contesto più ampio per il cambio di nome della divisione. Da poco Facebook ha annunciato che uno dei suoi laboratori di ricerca, Oculus Research focalizzata sulla realtà virtuale, sarebbe stato rinominato Facebook Reality Lab. Microsoft in realtà ha guidato la carica quasi due anni fa quando ha rinominato la propria ricerca Microsoft come Microsoft IA + Research  ma non ha (ancora?) abbandonato la parte di ricerca legata a quel nome.

Rinominare Google Research in Google IA è un cambiamento specifico che porta ad una divisione il cui nome potrebbe avere in precedenza avuto connotazioni più generali e accademici, di ricerca, mentre ora ha un nome che richiama molto più specificamente il prodotto finale in mente (“IA “). È un cambiamento che potrebbe significare come l’azienda stia cercando di riorientare il personale per allontanarsi da quella ricerca fatta per il gusto di farlo,per andare verso applicazioni più pratiche.