Il settore del ride sharing ha ormai ottenuto un ruolo importante nell'economia digitale. Le tre principali società, Didi Chuxing, Uber e Lyft hanno ottenuto negli anni investimenti complessivi per 50 miliardi di dollari. Wall Street si sta preparando ad accogliere sul mercato le due società leader nel mercato USA che lanceranno le loro IPO l'anno prossimo.

Uber Lyft ride sharing IPO Wall Street
Valutazione delle principali società attive nel ride sharing, dati in miliardi di dollari

L'IPO di Uber vale 100 miliardi di dollari?

Uber è la prima società al mondo per ricavi dal ride sharing e si prepara a una quotazione davvero importante. In preparazione alla IPO la società ha raccolto negli ultimi giorni 2 miliardi di dollari con titoli obbligazionari ad alto rendimento (junk bond). Al momento con una valutazione di 72 miliardi di dollari è una delle private company di maggior valore al mondo.

Alla luce dell'aumento dei ricavi, stimati in un valore tra 10 e 11 miliardi di dollari per il 2018, in crescita rispetto ai 7,8 miliardi del 2017, la società punta a ottenere sul mercato una valutazione di oltre 100 miliardi. Da seguire l'evoluzione della presenza di Uber nel mercato della guida autonoma, visto che la divisione in questione, anche per via di vicende come l'incidente fatale avvenuto all'inizio dell'anno e la causa con Waymo, potrebbe essere venduta prima della quotazione.

Wall Street pronta ad accogliere Lyft

Lyft, principale concorrente di Uber su suolo americano non sta a guardare e ha assunto JP Morgan Chase come advisor per seguire la quotazione. La società è più piccola di Uber ma è comunque valutata 15 miliardi di dollari e ha dalla propria parte una crescita importante nel mercato USA, iniziata a seguito della campagna #DeleteUber lanciata nel 2017. I dati finanziari della società presentano un aumento delle perdite da 195 a 254 milioni di dollari ma accompagnate da un aumento dei ricavi da 300 a 563 milioni di dollari.

Uber Lyft
Evoluzione del numero di utenti di Uber e Lyft negli USA nel Q1 2018, dati in milioni di utenti