Robot Cache, blockchain applicato ai videogiochi

Robot Cache logo copertina

Il mercato riguardante i videogiochi è uno dei più vasti che si possa trovare online. Molte sono le piattaforme dedicate alla vendita di giochi in digitale, da SteamaGOG, da Humble Bundle a Indie Gala. Da poco è invece nata Robot Cache, una piattaforma che è differente da tutte le altre.

Robot Cache è un'idea nata da Brian Fargo, capo della software house InXile Entertainment, per venire in contro alle esigenze dei team di sviluppo. Non solo, su questa piattaforma gli utenti oltre che comprare videogiochi hanno anche la possibilità di venderli.

Tutta la piattaforma gira intorno ad una criptovaluta, Iron. Robot Cache sfrutta quindi la tecnologia del blockchain che è, a detta degli sviluppatori, l'unica scelta in grado di garantire, flessibilità, sicurezza e trasparenza nella rivendita dei giochi digitali.

Ogni piattaforma di rivendita trattiene una percentuale sulla rivendita del gioco, percentuale che vieni quindi detratta dai ricavi delle varie software house. Robot Cache trattiene solo il 5% sugli acquisti, il restante andrà tutto alle software house.

Non solo, come detto Robot Cache offre la possibilità di rivendere i giochi che gli utenti non usano più. Tuttavia il prezzo dell'usato viene deciso direttamente dalle varie software house.

Sul totale della rivendita il 25% andrà agli utenti, il 70% alla software house di interesse e il 5% a Robot Cache. In realtà gli utenti non guadagneranno soldi reali ma Iron, la criptomoneta utilizzata da Robot Cache, che potrà poi essere usata per acquistare altri giochi sulla piattaforma.

Questa nuova e rivoluzionaria piattaforma di rivendita di videogiochi digitali debutterà nel secondo trimestre di quest'anno.