E' finalmente in partenza il progetto "Scuola al Centro", il progetto indetto dal MIUR che riguarda le attività extrascolastiche.

Nell'iniziativa saranno coinvolti oltre 700mila studenti e studentesse e 33.000 genitori di tutta Italia. Inoltre, sono tanti gli istituti che hanno partecipato ai finanziamenti che hanno portato alla sua realizzazione. Da sottolineare, tra questi, la presenza di molte scuole che sono state colpite dal sisma, in totale 221 e più precisamente:

  • 47 in Abruzzo;
  • 6 nel Lazio;
  • 84 nelle Marche;
  • 84 in Umbria;

Tanti progetti in previsione

Le scuole che hanno aderito a "Scuola al Centro" potranno decidere di realizzare i progetti in due periodi specifici, ovvero in estate oppure durante il normale anno scolastico. Questi potranno essere attuati in vari ambiti: sport, musica, arte, tecnologia e tanti altri.

D'altronde l'iniziativa ha avuto una certa risonanza e sono state finanziate 4.663 scuole circa, per un totale di 187 milioni di euro.

Scuola al Centro

La distribuzione dei fondi

L'argomento dei fondi è particolare se parliamo di questo progetto nato dal MIUR, infatti questo è il primo bando di finanziamento a carattere PON, a livello nazionale. Infatti, è bene sottolineare come questi progetti molto spesso riguardino solo le scuole nella zona del sud e non comprendano il resto del territorio Italiano.

D'altronde, le statistiche indicano delle percentuali molto variegati e mostrano come i maggiori adesori provengano da:

  • Napoli (451);
  • Roma (227);
  • Bari (172);
  • Palermo (163);
  • Catania (150);

Non è tutto qui però, infatti sono molte altre le cittadine che stanno aspettando l'arrivo dei fondi con la Campania che si attesta come la Regione con il maggior numero di scuole ammesse al piano finanziamenti. sono infatti oltre 860, per un totale di più di 35 milioni di euro destinati.

Segue la Sicilia, con ben 692 scuole che riceveranno 28 milioni circa; la Puglia, che comprende 569 scuole per un investimento di oltre 23 milioni di euro; ed infine la Lombardia, che si introduce nella "classifica" con 380 scuole, alle quali andranno oltre 15 milioni di euro.

MIUR

Sicuramente un progetto che vuole portare la scuola e l'istruzione ad essere un ambiente più aperto alla condivisione, partecipazione ed adesione ad iniziative creative e salutari. Infatti, il ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca vuole strizzare un occhio allo sport a tutte quelle attività che siano in grado di regalare una crescita equilibrata, ma allo stesso tempo attiva e soprattutto interattiva.