La digitalizzazione è un processo fondamentale per la nostra società e aspetti negativi, come il digital divide, dettano la nascita di vari casi di arretratezza o di dislivello tra paesi e continenti.

Questo accade anche in Italia, a livello locale, soprattutto nelle cosiddette “zone a rischio”. Il Miur ha quindi deciso di stanziare un finanziamento pari a 2 milioni di euro per aiutare le scuole all’interno di questi territori e permettere l’acquisto di nuovi strumenti digitali.

LEGGI ANCHEPi School, la scuola gratuita sull’intelligenza artificiale

60 scuole saranno digitalizzate

Saranno ben 60 le scuole a beneficiare di questa iniziativa indetta grazie al decreto per la didattica digitale, firmato lo scorso novembre dal Ministro Marco Bussetti.

ciascuna di esse riceverà una somma pari 65 mila euro, di cui 35 mila saranno destinati alla realizzazione di laboratori e i restanti 30 mila euro alla formazione del personale scolastico al tema della didattica innovativa.

Le 60 scuole beneficiarie sono state individuate in base a vari criteri, tra cui il tasso di dispersione scolastico, il disagio legato agli apprendimenti, lo status socio-economico della famiglia di origine, rilevato direttamente dalle statiche dell’Invalsi, ed il tasso di deprivazione territoriale Istat.

Miur digitalizzazione scuola

Un progetto a lungo termine

Ogni istituto dovrà presentare un solo progetto, che dovrà riguardare la realizzazione, per l’appunto, di ambienti legati all’apprendimento collegati all’utilizzo di nuove metodologie didattiche connesse alle possibilità offerte dal digitale e dalla tecnologia.

Le risorse serviranno quindi a finanziare l’acquisto di beni legati allo scopo di creare nuove aree all’interno degli istituti con la relativa attrezzatura necessaria al loro interno.

LEGGI ANCHE ITS, indetto un finanziamento di 50 milioni per la scuola del lavoro

Miur digitalizzazione scuola

Il progetto del Miur è quindi di fondamentale importanza per permettere il miglioramento delle strutture didattiche presenti sul nostro territorio e della formazione del personale dedicato, soprattutto se consideriamo che saranno coinvolti ben 57.000 alunni e 6.500 docenti, che beneficeranno di tale stanziamento.